"Con una moglie attrice e regista di teatro, un figlio psicologo e una figlia giornalista, potete immaginare il 'caos letterario' in cui viviamo...". Lo scrittore Nicola Manzò, autore della serie di gialli “I delitti del barbiere”, ci svela il suo segreto per provare a mettere ordine nella libreria di casa...

Abbiamo chiesto allo scrittore Nicola Manzò* di consigliare i suoi criteri per mettere ordine nella libreria di casa…

Ecco la sua risposta:

È una bella domanda anche perché io non ho la libreria di casa ma una casa nella libreria. Eh, si, con una moglie attrice e regista di teatro, un figlio psicologo e una figlia giornalista, potete immaginare il “caos letterario” in cui viviamo. Fino ad un paio di anni fa avevamo suddiviso tutti i nostri libri in sezioni: Arte e storia; Filosofia e Psicologia; Teatro; Saggistica; Romanzi; Gialli, Noir e avventura e così via. Ah, dimenticavo, sia io che mia moglie abbiamo conservato anche i nostri libri dell’infanzia. Io tutta la serie di Emilio Salgari, senza trascurare una buona sezione di fumetti da Diabolik a Tex Willer con qualche numero di Topolino e Paperino; lei tutti i romanzi da Piccole Donne a Pattini d’argento e così via.

“’St’anno m’è capitata ‘n’avventura…il fatto è questo, statemi a sentire” per dirla alla Totò nella sua Livella, non proprio quest’anno ma, come prima raccontavo, circa due anni fa mia moglie ebbe la felice idea di incaricare la nostra cara signora delle pulizie di dare una bella ripulita a tutti i libri di casa. Anna, ligia al suo mandato, mentre noi, inconsapevoli vittime, attendevamo alle nostre faccende quotidiane, prese lo scaletto e con tanta buona volontà cominciò a togliere tutti i libri poggiandoli in terra per poi spolverarli uno ad uno, ripulire ben bene la biblioteca e riporli alla rinfusa negli scaffali. Fu così che Nero Wolfe incontrò Freud; che il Corsaro nero finì nella Giara di Pirandello; Che Garibaldi si trovò a combattere con Diabolik.

Da quel giorno prendemmo la bella decisione di dividere i libri ad personam: mia moglie mise tutti i suoi libri nel suo studio ed io nel mio; i miei figli nelle loro stanze. Nel salotto rimasero quelli di comune interesse e Anna fu esonerata a vita dalla pulizia dei libri. 

Manzò

*L’autore – Con Gli amanti di vico San Severino, il suo primo romanzo, Nicola Manzò ha inaugurato la serie di gialli “I delitti del barbiere”. Ora Tea porta in libreria Sette cavalieri d’oro, ambientato a Napoli nel 2008, in cui torna il commissario Renzi, che risolve i suoi casi sulla poltrona del barbiere…

LEGGI ANCHE:

6 modi per ordinare i propri libri (sempre che loro siano d’accordo…) 

Come tenere in ordine oltre 10 milioni di libri? Lo spiega un film-documentario 

(Visited 10 times, 6 visits today)

Commenti