Un romanzo racconta l’editoria di fronte alla rivoluzione digitale

di Redazione Il Libraio | 16.02.2017

"La novità" di Paul Fournel racconta l'editoria tradizionale che fa i conti con le novità del digitale. Ed è anche l'occasione per l'autore di rivelare dettagli e retroscena sul mondo editoriale a lungo frequentato


La novità (Voland) di Paul Fournel è un romanzo sull’editoria tradizionale che si confronta con la rivoluzione digitale. Tutto ha inizio quando il vecchio editore Robert Dubois riceve un lettore ebook: sono due mondi completamente diversi che si incontrano. 
Ma La novità è per Paul Fournel anche l’occasione di rivelare dettagli e retroscena sul mondo editoriale a lungo frequentato, non solo come autore, di romanzi, racconti, poesie e testi teatrali, ma soprattutto in qualità di editor per diverse case editrici.


paul fournel la novità
Su Le Figaro Astrid De Larminat descrive il confine fra due mondi su cui si colloca La novità: “Il romanzo di Paul Fournel descrive un mondo che scompare, l’editoria alla vecchia maniera, i pranzi interminabili nei bistrot di Saint Germain des Prés, dove si serviva salsiccia di trippa con purè di patate, dove si potevano tenere sotto controllo i propri concorrenti con la coda dell’occhio. Mentre ora, ci sono ristoranti di sushi e gli autori tradiscono i loro editori con Apple, offrendosi per creare applicazioni“.
alice basso l'imprevedibile piano della scrittrice senza nome

LEGGI ANCHE – La ghostwriter si “svela” in un romanzo


Quando una giovane stagista dai capelli rossi porta a Robert Dubois, direttore della casa editrice per cui lavora, un lettore di ebook, il mondo del vecchio editore vacilla. Agli occhi di un uomo che ha passato la vita fra la carta stampata, quell’apparecchio ha un’aria minacciosa: “È nero, è freddo, è ostile, si capisce subito che non gli piaccio.” La vita comunque procede come al solito, Dubois pranza con i suoi autori, visita le librerie, incontra i promotori, ma il lettore che porta sotto il braccio gli parla già di un altro mondo. Con sguardo ironico e al contempo tenero, Paul Fournel prende spunto dalla rivoluzione tecnologica in corso per svelare i retroscena dell’ambiente dell’editoria, che così bene conosce.
giulio d'antona non è un mestiere per scrittori

LEGGI ANCHE – Un viaggio nella letteratura e nell’editoria americana contemporanea