Il Libraio

Elisabetta Sgarbi lascia Bompiani e fonda la sua casa editrice: “La Nave di Teseo”. Tra i soci…

di Antonio Prudenzano

Dopo settimane di indiscrezioni, arriva l'ufficialità: l'ormai ex direttore editoriale della Bompiani Elisabetta Sgarbi, che non ha mai nascosto il suo dissenso nei confronti dell’operazione “Mondazzoli”, fonda un nuovo marchio. Tra i soci de "La Nave di Teseo", Umberto Eco, Guido Maria Brera e degli editori Jean Claude e Nicky Fasquelle - I dettagli


Le voci circolavano da settimane. Del resto, Elisabetta Sgarbi (aka Betty Wrong), ormai ex direttore editoriale della Bompiani (oltre che regista, autrice, ideatrice del festival La Milanesiana), non ha mai nascosto il suo dissenso nei confronti dell’operazione “Mondazzoli”, con la discussa acquisizione di Rcs Libri da parte di Mondadori. E non lo hanno nascosto neppure numerosi autori Bompiani (o ex tali), molto legati al direttore editoriale, a partire da Umberto Eco (con tanto di appello lanciato a inizio anno). In attesa del parere dell’Antitrust, che dovrebbe arrivare nei primi mesi del 2016, anche nella sua ultima intervista, rilasciata proprio a ilLibraio.it a inizio ottobre, la Sgarbi aveva ammesso la sua “preoccupazione.

Ora arriva l’ufficialità: come già anticipato da un’indiscrezione di Lettera43, e a conferma di quanto nel piccolo mondo del libro nostrano si sussurrava da tempo, Elisabetta Sgarbi ha appena lasciato la Bompiani, per dar vita a un nuovo progetto editoriale.

Elisabetta Sgarbi: “Ecco com’è nata La nave di Teseo…”. Intervista a tutto campo 

Come informa un comunicato “Elisabetta Sgarbi e gli editori Mario Andreose ed Eugenio Lio si sono dimessi oggi dalla Bompiani (RCS Libri), per partecipare alla creazione di una nuova casa editrice, La nave di Teseo, che inizierà le pubblicazioni nel maggio 2016. La Sgarbi sarà direttore generale ed editoriale della nuova realtà editoriale che avrà sede a Milano, in Via Stefano Jacini 6. La Nave di Teseo sarà una casa editrice indipendente di narrativa, saggistica e poesia, italiane e straniere, attenta alle nuovi voci, come ai classici. I fondatori sono un gruppo di autori del calibro di Umberto Eco, Sandro Veronesi, Furio Colombo, Edoardo Nesi, Sergio Claudio Perroni e di editori da Elisabetta Sgarbi a Mario Andreose, Eugenio Lio e Anna Maria Lorusso con il supporto di un gruppo di imprenditori, rappresentanti della società civile fra cui Guido Maria Brera e degli editori Jean Claude e Nicky Fasquelle. Hanno aderito in questo momento all’iniziativa: Tahar Ben Jelloun, Pietrangelo Buttafuoco, Mauro Covacich, Michael Cunningham, Viola di Grado, Hanif Kureishi, Nuccio Ordine, Carmen Pellegrino, Lidia Ravera, Vittorio Sgarbi, Susanna Tamaro. La nave di Teseo si avvarrà dei servizi commerciali e promozionali PDE (Gruppo Feltrinelli) e della distribuzione del Gruppo Messaggerie”. A maggio 2016 i primi libri.


LEGGI ANCHE – Elisabetta Sgarbi (Bompiani) su “Mondazzoli”: “Sono preoccupata”. E su Eco… (intervista del 5 ottobre 2015)


Lo speciale de ilLibraio.it su “Mondazzoli”, con notizie, interviste, retroscena e aggiornamenti sull’acquisizione di Rcs Libri da parte di Mondadori

(Visited 143 times, 45 visits today)