La scrittrice americana ha un legame speciale con i giovani fan italiani ("diversi da quelli americani") e ne parla con Il Libraio

“Cosa posso dire della vostra splendida Italia e di tutti i ragazzi che ho incontrato? E’ un Paese magico e, solo mettendo piede qui, mi sono subito sentita romantica, quasi innamorata. Roma e Milano sono due città che ho sempre desiderato visitare, fin da quando ero una ragazzina“. A parlare con Il Libraio in occasione del mini-tour nel nostro Paese  è Jamie McGuire, autrice molto amata dagli adolescenti. I suoi bestseller (“Uno splendido disastro”, “Il mio disastro sei tu”, “Un disastro è per sempre” e “Uno splendido sbaglio”) sono pubblicati da Garzanti.

Ci racconta la scrittrice, che vive in Oklahoma con il marito e i figli:  “Quando, anni fa, ho cominciato a scrivere, ero convinta che i miei libri sarebbero stati letti solo da mia madre!”.

Jamie McGuire dimostra non solo umiltà, ma anche di essere particolarmente legata al suo giovane pubblico: “È una sensazione bellissima vedere che ci sono così tanti ragazzi che si emozionano, che urlano, che fanno ore di fila per incontrarmi, che tremano quando mi si avvicinano, che mi voglio abbracciare, che mi vogliono baciare…”. Una vera e propria McGuire-mania, insomma

Il legame è ancor più intenso con i giovani lettori italiani: “In America ho il mio pubblico di lettori e di fan, certo, ma il loro è un approccio molto diverso rispetto a quello che ho avuto il privilegio di sperimentare in Italia, dove i lettori sono dolci, appassionati e allo stesso tempo così innocenti… A renderli felici è una foto con me, sono le parole che scambiamo, è sapere cosa ha ispirato i miei romanzi. Hanno, in un certo senso, ancora un tocco di sincera genuinità nell’essere appassionati. Tra l’altro, mi piace molto il modo, travolgente, con cui esprimono le loro emozioni”.

Jamie Mc Guire (foto di Amy Murtola)
Jamie Mc Guire (foto di Amy Murtola)
(Visited 66 times, 30 visits today)

Commenti