"La biografa" di David Constantine racconta un insieme di vite, di scelte, soprattutto sofferte, e di incontri più o meno fortuiti. Un romanzo che suscita la curiosità di scandagliare il passato dei nostri cari per scoprire i momenti che li hanno resi quelli che conosciamo...

Ricostruire la giovinezza di chi si è amato per superarne la perdita. Sembra un’idea “folle”, eppure Katrin, biografa di professione, applica quello che sa fare meglio, ossia ricostruire vite, all’esistenza del marito Eric, appena scomparso a causa del cancro. Ne La biografa (Nutrimenti) l’autore inglese David Constantine unisce la narrazione del lutto di una donna sola in un paese che non è il suo – Katrin è polacca e vive in Inghilterra per via di Eric – a una storia d’amore e di scoperta di sé avvenuta negli anni Sessanta.

la biografa

Eric e Katrin hanno vent’anni di differenza, lui ha avuto una prima moglie e un figlio da essa. Ma quello che interessa Katrin non è la sua prima vita coniugale, ma un periodo piuttosto breve e travagliato della vita del marito, meno di due anni che lo hanno visto trasformarsi da studente di Oxford a padre di famiglia.

Tutto ha inizio quando Eric e un gruppo di amici, tutti diciannovenni, decidono di partire, ognuno per conto proprio, dalla natia Inghilterra e di ritrovarsi in un paesino francese. La prima parte del viaggio è l’ultima cosa che Eric racconta alla moglie prima del peggiorare della malattia che lo priva della possibilità di continuare il suo racconto.

la biografa
David Constantine

Al funerale dell’uomo, inoltre, si presenta un’anziana donna francese che dice di averlo conosciuto proprio in seguito al viaggio in Francia. Si chiama Monique e porta in dono alla vedova un piatto dipinto a mano.

Distrutta dalla perdita, ma guidata dall’istinto di biografa, Katrin non può fare a meno di trascorrere i mesi che seguono la morte del marito a ricostruire gli anni tra il viaggio in Francia e il matrimonio di Eric con la prima moglie attraverso lettere conservate in soffitta e incontri con Daniel, compagno di studi del defunto.

Katrin, attraverso la ricerca e la scrittura della biografia del marito da giovane, scopre come l’uomo che ha amato per più di vent’anni è diventato quello che lei ha conosciuto. Anche grazie all’amore di un’altra donna. Ma capisce anche chi è lei stessa, autrice che scrive in una lingua non sua, ma, nonostante la distanza e gli anni trascorsi, ancora schiacciata dalle aspettative del padre.

La biografa racconta un insieme di vite, di scelte, soprattutto sofferte, e di incontri più o meno fortuiti. Esistenze così realistiche che il romanzo suscita la curiosità di scandagliare il passato dei nostri cari per scoprire i momenti che li hanno resi quelli che conosciamo.

 

(Visited 264 times, 264 visits today)

Commenti