il libro

Non ditelo allo scrittore

«Ho finito di leggere "Scrivere è un mestiere pericoloso", ed è bellissimo, mi hai emozionato. Spero ci sia un seguito.»
Donatella, Donatella
Una protagonista bizzarra che ha il dono di saper cogliere l’essenza di ogni persona.
Chiara Moscardelli, Chiara Moscardelli, TTL-La Stampa
Alice Basso ha uno stile fresco e spontaneo.
Roberta Scorranese, Roberta Scorranese, Sette-Corriere della Sera
«Berganza è il nostro guru, nostro intendo dei tuoi lettori. Ci manca tanto! Lo aspettiamo con ansia in una nuova avventura.»
Gabrio, Gabrio

UN'AUTRICE AMATISSIMA DALLA STAMPA E DAI LETTORI

Deve scrivere nell’ombra
I libri sono il suo rifugio
Perché loro hanno tutte le risposte

A Vani basta notare un tic, una lieve flessione della voce, uno strano modo di camminare per sapere cosa c’è nella testa delle persone. Una empatia innata che Vani mal sopporta, visto il suo odio per qualunque essere vivente le stia intorno. Una capacità speciale che però è fondamentale nel suo mestiere. Perché Vani è una ghostwriter. Presta le sue parole ad autori che in realtà non hanno scritto i loro libri. Si mette nei loro panni. Un lavoro complicato di cui non può parlare con nessuno.
Solo il suo capo sa bene qual è ruolo di Vani nella casa editrice. E sa bene che il compito che le ha affidato è più di una sfida: deve scovare un suo simile, un altro ghostwriter che si cela dietro uno dei più importanti romanzi della letteratura italiana. Solo Vani può trovarlo, seguendo il suo intuito che non l’abbandona mai. Solo lei può farlo uscire dall’ombra. Ma per renderlo un comunicatore perfetto, lei che ama solo la compagnia dei suoi libri e veste sempre di nero, ha bisogno del fascino ammaliatore di Riccardo. Lo stesso scrittore che le ha spezzato il cuore, che ora è pronto a tutto per riconquistarla. Vani deve stare attenta a non lasciarsi incantare dai suoi gesti. Eppure ha ben altro a cui pensare. Il commissario Berganza, con cui collabora, è sicuro che lei sia l’unica a poter scoprire come un boss della malavita agli arresti domiciliari riesca comunque a guidare i suoi traffici. Come è sicuro che sia arrivato il momento di mettere tutte le carte in tavola con Vani. Con nessun’altra donna riuscirà mai a parlare di Chandler, Agatha Christie e Simenon come con lei. E quando la vita del commissario è in pericolo, Vani rischia tutto per salvarlo. Senza sapere come mai l’abbia fatto. Forse perché, come ha imparato leggendo La lettera scarlatta e Cyrano de Bergerac, ogni uomo aspira a qualcosa di più grande, che rompa ogni schema della razionalità e della logica.
Vani è ormai uno dei personaggi più amati dai lettori italiani. Dopo il successo dell’Imprevedibile piano della scrittrice senza nome e di Scrivere è un mestiere pericoloso, Alice Basso torna con la perfezione e l’originalità di uno stile che le ha portato l’ammirazione della stampa più autorevole. Un nuovo romanzo, stesse caratteristiche imperdibili: libri, indagini, amore e una protagonista che diventerà come un’amica un po’ strana che non riuscirete più ad abbandonare.


Titolo
Non ditelo allo scrittore
ISBN
9788811673446
Autore
Collana
Casa Editrice
GARZANTI
Dettagli
320 pagine, Cartonato
Prezzo di questa edizione cartacea

  • Eventi

  • Per incontrare Alice Basso

13 Luglio

Aperilibro con Alice Basso

Aperilibro con Alice Basso

Giardino di casAmica

Pino Torinese | 20:00

14 Luglio

Alice Basso a Giaveno

Alice Basso a Giaveno

Libreria Isola del Libro

Giaveno | 18:00

9 Agosto

Due parole in riva al mare con Alice Basso

Due parole in riva al mare …

Due parole in riva al mare

San Lorenzo al Mare | 21:00

6 Ottobre

Alice Basso ad Arona

Alice Basso ad Arona

Libreria Feltrinelli

Arona | 18:00

Citazioni più amate

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
Scrivere è un mestiere pericoloso

Scrivere è un mestiere pe…

A. Basso

«Si fa leggere d’un fiato Alice Basso. Scrive con stile leggero.» Giovanni Pacchiano, «Sette-Corriere della Sera» «Per…

L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome

L’imprevedibile pian…

A. Basso

«Si fa leggere d'un fiato la Basso. Sa farci sorridere e parteggiare per la protagonista. Scrive con stile leggero. Non le chiediamo…

L’imprevedibile piano della scrittrice senza nome

L’imprevedibile pian…

A. Basso

Dietro un ciuffo di capelli neri e vestiti altrettanto scuri, Vani nasconde un viso da ragazzina e una innata antipatia verso…

Non ditelo allo scrittore

Non ditelo allo scrittore

A. Basso

UN'AUTRICE AMATISSIMA DALLA STAMPA E DAI LETTORIDeve scrivere nell’ombraI libri sono il suo rifugioPerché

recensioni

  • Da ely101

    Fantasticamente geniale ! Lo ammetto sono diventata una grande fan di Vani Sarca fin da quando l’autrice l’ha creata. Visto che in questo romanzo Vani finalmente capisce chi è e chi vuole essere, mi auguro davvero che non sia un finale, ti prego autrice, continua a raccontarci di Vani. La protagonista del libro, per chi non la conoscesse, è Vani Sarca, Gosthwriter professionista e le viene davvero bene. Vani entra nella testa delle persone con un solo sguardo, e riesce ad adattare il suo modo di comunicare in base a chi ha di fronte. Riesce bene nel suo lavoro quando invece è disadattata nella vita reale, perché una ragazza bionda che si veste completamente di nero e porta come trucco abituale rossetti viola e kili di matita nera un po’ intimidisce le persone che ha intorno. Ma nella vita di Vani non c’è spazio per le chiacchiere della gente, lei sta bene con se stessa, con la giovane Morgana che sarebbe la sua vicina di casa adolescente ma che grazie a Vani sta imparando ad esprimere il suo essere, e soprattutto con il commissario Berganza con la quale collabora nelle indagini di polizia. In questo libro Vani sarà impegnata su vari fronti, prima di tutto il lavorativo dove il direttore della casa editrice gli appioppa il professor Marotta da “educare”. Il caso editoriale del momento infatti è la scoperta che un romanzo famoso, che ha avuto un grande successo mediatico, non è stato scritto dall’autore che lo ha presentato ma dal professor Marotta, che ora è uscito allo scoperto. Il professore è però tanto bravo con le parole scritte quanto impossibilitato quando deve sottoporsi ad una conversazione, impossibile per lui non dimostrarsi odioso fin da quando apre bocca, e non va affatto bene visto che deve iniziare un bel tour di interviste. Spetta a Vani cercare di insegnarli come ci si comporta in pubblico, ma non sarà affatto un’impresa semplice, oltretutto viene coinvolto anche Riccardo, l’ex di Vani, che è ben determinato a riconquistarla. Sul piano personale invece Vani si trova divisa tra la piccola Morgana, che ogni giorno che passa diventa sempre più simile a lei, ed anche se non lo ammetterà mai si sta affezionando a quella ragazzina. Morgana adora Vani e la vorrebbe vedere felice, ma non sempre quello che lei pensa che sia il bene per la sua amica è quello che realmente Vani vuole, sempre se lei sa cosa vuole. Poi ci sono le indagini di polizia, dove il commissario Berganza sembra incastrato in un caso davvero difficile, dove ammette anche lui avrebbe davvero bisogno delle capacità della nostra amica per risolverlo, ma la vuole lasciare fuori per la sua sicurezza, e lui tiene davvero che Vani sia al sicuro. Ma sappiamo bene che Vani ed i guai vanno a braccetto, e lasciarla fuori dal caso sarà impossibile, soprattutto da quando è in pericolo lo stesso commissario. In questo libro ci sono varie parentesi in cui è raccontata la Vani adolescente ad i tempi della scuola, e lo ammetto, l’ho adorata. L’autrice è stata bravissima a darle una personalità un po’ più acerba e non ancora così acida, ma comunque sempre coerente con il carattere attuale che ha la nostra amica, senza stravolgerne la personalità. Ho trovato questo romanzo davvero molto carino e ben scritto, ho riso tanto, ho amato ancora di più i miei personaggi preferiti e mi sono trovata a riflettere assieme a Vani. La protagonista di carne al fuoco ne ha tanta, e come risolverà le varie vicende lo scoprirete leggendo il libro, ma vi preannuncio che non tutto andrà come si potrebbe pensare ed ho apprezzato davvero tanto come è stato scritto il finale. Come ho anticipato all’inizio spero che non sia la fine di un capito con protagonista la nostra Vani Sarca, perché penso che il suo umorismo acido mi mancherebbe davvero tanto. Consiglio a tutti voi la lettura di questo libro, che vi assicuro non vi lascerà indifferenti e vi farà passare alcune ore piene di spensieratezza. Auguro a tutti voi una buona lettura, e come sempre vi do appuntamento alla prossima recensione librosa.

goodreads

Qui potrai visualizzare le recensioni di GoodReads.

DISPONIBILE A MILANO
IN LIBRERIE ADERENTI AL SERVIZIO LIBRICITY

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.

Quali sono i libri che ti emozionano?

Rimani sempre aggiornato
sulle ultime uscite dei tuoi generi preferiti.

Iscriviti alla newsletter personalizzata

(Visited 1 times, 1 visits today)