Il 31 maggio 1953, a soli vent’anni, Sylvia Plath arriva a New York con una borsa di studio per un soggiorno di un mese come redattore inviato dalla rivista Mademoiselle , che aveva pubblicato il suo racconto «Domenica dai Minton». Per la giovane collegiale del New England sono ventisei giorni di sogno, in cui soggiornerà al Barbizon Hotel, assisterà ai balletti di Blanchine, a una partita allo Yankee Stadium e ballerà al West Side Tennis Club. Giorni in cui la città le apre le sue infinite possibilità e la giovane Sylvia, tra le altre cose, mangia una ciotola intera di caviale, pedina Dylan Thomas, e scopre il suo drink preferito (vodka liscia)… Basandosi su interviste approfondite con le persone che la conobbero e la frequentarono in quel breve, intensissimo mese, Elizabeth Winder racconta come quel periodo influì profondamente sulla Plath, sulla sua visione del mondo, e come si delineò il suo profilo di donna e scrittrice. Intensa e illuminante, questa biografia ci mostra l’autrice di La campana di vetro (l’unico suo romanzo che racconta, trasfigurata, proprio quella memorabile estate) come la ragazza che era prima di diventare un’icona.
Titolo
La grande estate
ISBN
9788860888013
Autore
Collana
Casa Editrice
GUANDA
Dettagli
272 pagine, Brossura
Prezzo di questa edizione cartacea

Citazioni più amate

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
La grande estate

La grande estate

E. Winder

Il 31 maggio 1953, a soli vent’anni, Sylvia Plath arriva a New York con una borsa di studio per un soggiorno di un mese come…

goodreads

Qui potrai visualizzare le recensioni di GoodReads.

DISPONIBILE A MILANO
IN LIBRERIE ADERENTI AL SERVIZIO LIBRICITY

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.

Quali sono i libri che ti emozionano?

Rimani sempre aggiornato
sulle ultime uscite dei tuoi generi preferiti.

Iscriviti alla newsletter personalizzata

(Visited 187 times, 63 visits today)