il libro

STAI ZITTA E VA’ IN CUCINA

«La storia della misogina che domina il rapporto tra la politica e le donne… Il maschilismo in politica è nato con i padri della Repubblica. Ed è in ottima salute, come dimostra Battaglia».
Caterina Soffici, «Vanity Fair»
«Non c’è molto da aggiungere al lavoro fatto da Battaglia: che dovrebbe essere specchio e motivo di riflessione urgente per i politici italiani, tanto più, guarda un po', che questo specchio viene loro porto da un uomo. Che, grazie al cielo, non si riconosce nei suoi simili».
Loredana Lipperini, «D di Repubblica»
«Irresistibile libro e irresistibile campionario fallocratico». Mattia Feltri, «La Stampa»
Mattia Feltri, «La Stampa»
A casa sono le regine indiscusse, fuori le suddite sottomesse. Viste dalla politica, le donne italiane devono essere così. «La moglie fa la moglie e basta», deve essere «remissiva», ha molti doveri, pochi diritti e «specifiche attitudini». Se la donna è emancipata diventa subito di «facili costumi», se è bella «è per questo che fa carriera», se è brillante non può che essere «abilmente manovrata». Stai zitta e va’ in cucina è la storia degli insulti, delle discriminazioni e dei pregiudizi politici nei confronti delle donne. Ed è una storia a cui prendono parte quasi tutti: i padri costituenti e Beppe Grillo, il Pci e Silvio Berlusconi, la Dc e i partiti laici, i piccoli movimenti e le grandi coalizioni. Da questo punto di vista, la politica italiana si mostra singolarmente unanime. Nell’Italia repubblicana la crociata sessista arruola tutti: premier, segretari di partito, ministri, capi di Stato, giù giù fino all’ultimo portaborse sconosciuto. Dopo il suffragio universale, «concesso» nel ’45, il maschilismo italico si fa sentire già con la stesura della Costituzione, per proseguire fino ai giorni nostri, tra appelli, citazioni sofisticate e insulti da bettola. Dalla battaglia sul divorzio alle norme contro la violenza sessuale, dall’accesso alla magistratura al dibattito sulle quote rosa, questo libro è un succinto racconto storico – incredibilmente attuale –, per capire come si è diffusa e perpetrata la misoginia politica in uno dei Paesi più maschilisti d’Europa.
Titolo
STAI ZITTA E VA’ IN CUCINA
ISBN
9788833927152
Autore
Collana
Casa Editrice
BOLLATI BORINGHIERI
Dettagli
114 pagine, Brossura
Prezzo di questa edizione cartacea

Citazioni più amate

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
Ho molti amici gay

Ho molti amici gay

F. Battaglia

Non possono fare gli insegnanti né i capi scout, non devono baciarsi e tenersi per mano in pubblico, vanno curati e, se…

Bisogna saper perdere

Bisogna saper perdere

F. Battaglia

Si vince e si perde ovunque, non solo in Italia. Ma in Italia, più spesso che altrove, chi è vinto non accetta la sconfitta.…

Lei non sa chi ero io!

Lei non sa chi ero io!

F. Battaglia

Siamo a Roma, nel 1946. Dopo le prime elezioni a suffragio universale, i deputati arrivano a Montecitorio. La maggior parte di…

STAI ZITTA E VA’ IN CUCINA

STAI ZITTA E VA’ IN …

F. Battaglia

A casa sono le regine indiscusse, fuori le suddite sottomesse. Viste dalla politica, le donne italiane devono essere così. «La…

goodreads

Qui potrai visualizzare le recensioni di GoodReads.

DISPONIBILE A MILANO
IN LIBRERIE ADERENTI AL SERVIZIO LIBRICITY

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.

Quali sono i libri che ti emozionano?

Rimani sempre aggiornato
sulle ultime uscite dei tuoi generi preferiti.

Iscriviti alla newsletter personalizzata

(Visited 156 times, 60 visits today)