il libro

Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare

«Le migliori favole portano messaggi universali con leggerezza e Luis Sepúlveda lo sa.»
Alessandro Beretta, Corriere della Sera

«Leggere Sepulveda è un continuo scartavetrare la realtà alla ricerca del sogno.»
Roberta Scorranese, Corriere della Sera

«Sepúlveda costruisce con la conseuta maestria letteraria un mondo dove aiutare chi è in difficoltà è il valore supremo, dove - lezione non trascurabile - riesce a volare 'soltanto chi osa farlo'.»
Bruno Arpaia


«Una bellissima fiaba fatta per diventare un cult per quanti - adulti o bambini - adorano gli animali e vorrebbero salvare il mondo dalle malefatte degli uomini.»
Giulia Borgese



Dopo essere capitata in una macchia di petrolio nelle acque del mar Nero, la gabbiana Kengah atterra in fin di vita sul balcone del gatto Zorba, al quale strappa tre promesse solenni: di non mangiare l’uovo che lei sta per deporre, di averne cura e di insegnare a volare al piccolo che nascerà. Così, alla morte di Kengah, Zorba cova l’uovo e, quando si schiude, accoglie la neonata gabbianella nella buffa e affiatata comunità felina del porto di Amburgo. Ma come può un gatto insegnare a volare? Per mantenere la terza promessa, Zorba dovrà ricorrere all’aiuto di tutti, anche a quello di un uomo. In una storia che ha la grazia di una fiaba e la forza di una parabola, il grande scrittore cileno tocca i temi a lui più cari: l’amore per la natura, la generosità disinteressata e la solidarietà, anche fra «diversi».
Titolo
Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare
ISBN
9788823503342
Autore
Collana
Casa Editrice
GUANDA
Dettagli
144 pagine, Cartonato

Citazioni più amate

«... vola solo chi osa farlo.»

Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare

Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare

Storia di una gabbianella …

«Le migliori favole portano messaggi universali con leggerezza e Luis Sepúlveda lo sa.» Alessandro Beretta, Corriere della

recensioni

  • La favola è da sempre contenitore di verità; lo sapevano anche le civiltà più antiche, che affidavano a miti e leggende i loro valori, perché potessero essere tramandati in eterno. Attraverso l’artificio di una favola, in cui i protagonisti sono spesso animali, si può infatti raccontare la realtà in modo del tutto naturale e diretto, arrivando al cuore di chi legge, o perché no, di chi ascolta. Sepúlveda, in questo libro, si mostra consapevole del potere delle favole e ce ne regala una bellissima, che scalda il cuore e ci insegna a superare il pregiudizio della diversità, a rispettarci gli uni gli altri, e a lottare per ciò che si ama. La gabbiana Kengah, sorvolando con il suo stormo la foce dell’Elba, nel mare del Nord, si tuffa per pescare delle aringhe, ma finisce in una macchia di petrolio. Trascinandosi a fatica, riesce ad atterrare ormai in fin di vita sul balcone del gatto Zorba, al quale strappa tre importanti promesse: di non mangiare l’uovo che sta per deporre, di averne cura e di insegnare a volare al piccolo che nascerà. Alla morte di Kengah, il timoroso Zorba, che mai si sarebbe aspettato una cosa del genere, cova con premura l’uovo, ed una volta schiuso, presenta la neonata gabbianella alla particolarissima comunità felina del porto di Amburgo, che la accoglie con generosità. Ogni gatto amico di Zorba ha una sua personalità ed un carattere ben delineato, che si rivela già nel nome: Diderot, ad esempio, è l’intellettuale del gruppo ed è pratico di enciclopedie, Colonnello è colui a cui spetta sempre l’ultima parola, Bubulina è la gatta bianca di cui tutti sono innamorati. Ma come può un gatto insegnare a volare? Zorba deve mantenere la terza promessa, ma per farlo avrà bisogno dell’aiuto di tutti, non solo dei suoi amici felini, ma anche dell’uomo. Il grande scrittore cileno, in questa storia apparentemente semplice ed ingenua, tocca i temi a lui più cari: l’amore sconfinato per la natura e il dovere di difenderla, la generosità disinteressata, e la solidarietà, anche (e soprattutto) fra «diversi». Un storia quindi che ben si adatta al mondo di oggi, dove troppo spesso si dimenticano i sentimenti. Grazie al coraggio e all’amore, invece, si possono compiere miracoli; grazie alla solidarietà persino un gatto può insegnare ad una gabbianella a volare. Lo stile di Sepúlveda vi colpirà per la sua essenzialità; c’è infatti chi di lui ha detto: “sa essere lirico, pur mantenendosi essenziale; crede nella parola e non ha paura di usarla”, e questa credo sia una dote molto rara in uno scrittore. Se è vero che leggere aiuta a crescere (e io sono fermamente convinta che lo sia) questo è un libro che riesce a far crescere non solo i bambini, che imparano da esso l’amore per la natura e il rispetto degli altri, ma anche gli adulti, che se osservassero più spesso il mondo con la semplicità e la spontaneità dei bambini, riuscirebbero a fare grandi cose. https://ecshivers.com/2017/03/14/storia-di-una-gabbianella-e-del-gatto-che-le-insegno-a-volare/

goodreads

Qui potrai visualizzare le recensioni di GoodReads.

DISPONIBILE A MILANO
IN LIBRERIE ADERENTI AL SERVIZIO LIBRICITY

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.

Quali sono i libri che ti emozionano?

Rimani sempre aggiornato
sulle ultime uscite dei tuoi generi preferiti.

Iscriviti alla newsletter personalizzata

(Visited 1 times, 1 visits today)