Il premio Nobel per la Letteratura 2014 è stato assegnato a Patrick Modiano per “l’arte di ricordare con cui ha evocato i destini umani più difficili da comprendere e ha svelato l’universo dell’occupazione”.
DORA BRUDER, LA TRAMA
31 dicembre 1941. Sul «Paris-Soir» appare un annuncio: si cercano notizie di una ragazza di quindici anni, il suo nome è Dora Bruder. A denunciarne la scomparsa sono i genitori, ebrei emigrati da tempo in Francia. Quasi cinquant'anni dopo Patrick Modiano si imbatte in quelle poche righe di giornale, in quella richiesta d'aiuto rimasta so spesa. Non sa niente di Dora, ma ne è ugualmente attratto: cerca di ricostruirne la vita, i motivi che l'hanno fatta scappare, cerca di immaginare le sue giornate nel periodo della fuga. A poco a poco ricompone la storia dei Bruder: la nascita della ragazza, le origini dei genitori, i loro trasferimenti, l'ultimo domicilio della famiglia. Modiano segue l'ombra di Dora per le vie di una città che conosce e ama, la Parigi dei quartieri periferici, degli hotel ormai chiusi da tempo, dei cinema che non esistono più. Sono luoghi che hanno vissuto la guerra e conosciuto l'atmosfera sinistra dell'occupazione. L'atmosfera in cui vive la stessa Dora fino a quando, otto mesi dopo la fuga, verrà deportata ad Auschwitz insieme al padre. Qui, dove comincia la Storia degli uomini, si chiude per sempre la storia privata di Dora in mezzo a quella di milioni di altre vittime. Dora Bruder è fuggita, poi è riapparsa, ma sin dall'inizio ha mantenuto il segreto su quel breve periodo. Forse la sua è stata una fuga d'amore, o forse no, non lo sapremo mai con certezza. E proprio grazie a questo atto di disobbedienza, a questo scatto di libertà, la sua memoria non è caduta nell'oblio e rivive ora nel ritratto intenso e commovente che Modiano lascia di lei per sempre.
Titolo
Dora Bruder
ISBN
9788860884879
Autore
Collana
Casa Editrice
GUANDA
Dettagli
144 pagine, Brossura
Prezzo di questa edizione cartacea

Citazioni più amate

«Sembra però che ciò che ci spinge a fuggire d'improvviso sia un giorno di grigiore e di freddo che ci fa provare la solitudine ancora più acuta e la sensazione di una morsa che si chiude.»

P. Modiano

Dora Bruder

Dora Bruder

Dora Bruder

P. Modiano

Il premio Nobel per la Letteratura 2014 è stato assegnato a Patrick Modiano per “l’arte di ricordare con cui ha evocato i…

recensioni

  • Da phew

    Un libro particolare che ha come sfondo l'incubo della Shoah. Modiano si improvvisa investigatore sulle tracce di Dora, ragazza ebrea che non esiste se non per l'annuncio della sua scomparsa. Il testo è un continuo intersecarsi di rievocazioni autobiografiche dell'autore (che spesso appaiono forzate, quasi estranee alla narrazione), di ricordi e di immagini di una Parigi che non esiste più, nella costante ricerca di una spiegazione che il passato non vuole restituire. Un libro consigliato anche se non eccezionale.

  • Da Woland

    E' il primo libro di Modiano che leggo, autore che non conoscevo prima del Nobel. Libro bello, scrittura tersa, ma non posso dire che mi abbia colpito in maniera straordinaria. Ne ho colto la forza solo in parte.

goodreads

Qui potrai visualizzare le recensioni di GoodReads.

DISPONIBILE A MILANO
IN LIBRERIE ADERENTI AL SERVIZIO LIBRICITY

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.

Quali sono i libri che ti emozionano?

Rimani sempre aggiornato
sulle ultime uscite dei tuoi generi preferiti.

Iscriviti alla newsletter personalizzata

(Visited 1 times, 1 visits today)