Su IlLIbraio.it la storia di Iacopo Bruno. Il 2015 sarà l'anno della sua consacrazione negli Usa: "In Italia, come sempre, siamo brillantissimi ma un po’ improvvisatori. Oltreoceano vige il culto della programmazione..." - L'intervista

La grafica editoriale (soprattutto quella dei libri rivolti ai bambini e ai cosiddetti giovani adulti) è fatta di art director ma anche di illustratori: e per i più bravi l’orizzonte è il mondo. E’ questa la storia di Iacopo Bruno, spezzino, 50 anni, studi artistici, una lunga carriera entro i nostri confini con molte tavole per Mondadori, Piemme, EL e un bel giorno la proiezione internazionale con la saga di Ulysses Moore. “Una serie italianissima” ricorda oggi Bruno intervistato da IlLibraio.it, “ideata da Pierdomenico Baccalario e pubblicata da Piemme-Battello a Vapore che è stata ripresa in 26 paesi con più di 3 milioni di copie vendute: tutti hanno utilizzato le mie illustrazioni. Una sola eccezione: gli Stati Uniti, che hanno arruolato un altro artista, giudicando la mia mano ‘troppo italiana’”.

Non sembra un buon inizio di relazione, ma qualche anno dopo a New York un incontro casuale in metropolitana con una collega americana riapre i giochi: le porte dell’editoria statunitense si riaprono, le collaborazioni con grandi case editrici fioccano e nel 2013 la Society of Illustrators include Scary Tales di James Preller disegnato da Iacopo fra i 100 libri meglio disegnati dell’anno.

Nel 2015 giungerà la consacrazione: da illustratore al servizio di un testo altrui (“ruolo che amo”, precisa lui, “amo l’aspetto artigianale del mio lavoro”) Bruno diventerà autore di un vero e proprio libro illustrato per l’infanzia.

Bruno è particolarmente apprezzato per la sua capacità di pensare la copertina come progetto completo, di cui disegna sia l’immagine sia il testo. Allora, nessuno è profeta in patria? “Non proprio” dice lui. “Continuo a lavorare anche per l’editoria italiana e ultimamente mi sono divertito moltissimo a realizzare le serie di romanzi di Giorgio Scerbanenco, Patricia Highsmith e Agatha Christie del Corriere della Sera. E in ambito ragazzi mi sono molto appassionato al redesign della collana Carta Bianca per Edizioni EL”.

Differenze tra l’Italia e gli Stati Uniti? “Negli Stati Uniti l’editore ha di solito le idee molto chiare sul target del libro e sull’impostazione da dare alla copertina e ti sceglie a ragion veduta. E poi lì vige il culto della programmazione, per cui si lavora con più tempo a disposizione. Noi siamo come sempre brillantissimi ma un po’ improvvisatori.”

Sogni? “Disegnare le copertine dei romanzi di Jules Verne, amore della mia infanzia.”

Iacopo Bruno

IacopoBruno2

IacopoBruno3

(Visited 66 times, 65 visits today)

Commenti