"? Il paradosso dell'ignoranza da Socrate a Google" di Antonio Sgobba è un viaggio che attraversa secoli di storie, libri, memorie e teorie scientifiche, svelando le mille sfumature del concetto di ignoranza

? Il paradosso dell’ignoranza – da Socrate a Google (il Saggiatore) di Antonio Sgobba, giornalista e curatore delle pagine culturali di IL, mensile del Sole 24 Ore, è un ambizioso atlante dell’ignoranza, un racconto ironico che attraversa secoli di storie, libri, memorie e teorie scientifiche. Nel saggio Sgobba fa dialogare i grandi filosofi del passato come Platone, Kant e Nietzsche con i politici di oggi e apre dispute tra giornalisti e burocrati dell’Ottocento, sociologi e scrittori, ottimisti e pessimisti, poeti e criminali. Un’indagine sull’infinita possibilità di sfumature che colorano il concetto di “ignoranza” per scoprire il paradosso più antico di sempre: non sapremo mai cosa esattamente non sappiamo, e sappiamo solamente ciò che pensiamo di sapere.

antonio sgobba - il paradosso dell'ignoranza copertina1

Sgobba avverte direttamente il lettore: sapere ti rende felice. Credi di conoscere tutto quello che ti circonda: le app nel tuo cellulare sono in grado di dirti che tempo farà da oggi a due settimane, arrivano a pronosticare il vincitore del prossimo campionato di serie A. Chi ha inventato Internet? Google è Dio? Perché le persone non mi vogliono? Cosa mangiano le tartarughe? Ridi pure, lettore: queste domande le hai poste proprio tu, e un programma di analisi ora le sta condividendo con il mondo intero. Eppure non sai che non sei tu a conoscere il mondo, ma è il mondo a conoscere tutto di te.

Non sapere ti rende infelice. Non sai nulla di quello che ti circonda: non sai come fa a volare l’aereo che ti porterà a Londra, come funziona il wi-fi, quanta acqua c’è nell’Oceano Atlantico. Sai cosa vuol dire entelechìa? Quanti capelli abbiamo in testa? Hai mai provato a contare tutte le stelle? No, ma l’ha già fatto l’astronomo Ipparco, e le notizie non sono buone: non potremo saperlo mai. Anche sapere ti rende infelice: sai benissimo che più cose riuscirai a conoscere più diventerai ignorante.

(Visited 630 times, 630 visits today)

Commenti