Dona libri e finanzia borse di studio nelle università. E aiuta finanziariamente le librerie indipendenti. James Patterson spiega perché la lettura è così importante: "I libri sono la soluzione a molti problemi"...

Dopo aver donato 1 milione di dollari alle librerie indipendenti e 1,25 milioni di dollari alle biblioteche scolastiche attraverso una partnership con lo Scholastic Reading Club, lo “scrittore più venduto al mondo”, James Patterson, in un’intervista a La Stampa racconta il suo desiderio di incoraggiare i giovani a diventare lettori competenti.

“I libri sono la soluzione a molti problemi, e qui tutti possiamo fare la differenza”, ha dichiarato. Per educare i ragazzi sin dall’età scolare alla lettura, “arma” fondamentale per la vita futura, Patterson ha individuato una serie di progetti: “Doniamo libri, finanziamo circa 400 borse di studio per insegnanti in 26 università, avviamo programmi come quello alla Vanderbilt University, dove i ragazzi vanno il sabato durante l’estate: è incredibile quanto migliorino i loro voti e le loro capacità, con un solo giorno a settimana di assistenza. Sono 18mila le biblioteche scolastiche che ci hanno chiesto aiuto”.

Riguardo, invece, al finanziamento delle librerie indipendenti, commenta: “Stanno sparendo. E invece abbiamo bisogno di luoghi dove la gente possa andare a cercare i libri e possa discuterne. E abbiamo bisogno di editori che trovino, incoraggino e sviluppino gli autori”.

Patterson, oltre ai thriller (pubblicati in Italia con Longanesi e TEA) scrive anche libri per ragazzi pubblicati (che da noi escono per Salani): “Gli insegnanti devono capire che un libro proposto a scuola non deve essere necessariamente serio o noioso. Diamo ai ragazzi libri che li facciano ridere, che li spingano a chiederne un altro quando hanno finito”.

Patterson conclude l’intervista tornando sulla querelle Hachette-Amazon e sulla mobilitazione contro il colosso di Bezos: “Litigare con Amazon è inutile. Sarebbe bello, però, che una mattina il suo fondatore si svegliasse e decidesse di diventare l’uomo che ha salvato i libri in America”.

LEGGI ANCHE:

Per aiutare le librerie indipendenti un libro da 300mila dollari (che si “autodistrugge”)

Dopo le librerie indipendenti, lo scrittore di bestseller aiuta le biblioteche scolastiche

 

 

(Visited 10 times, 4 visits today)

Commenti