Margaret Atwood nel 1985 ha scritto "Il racconto dell'ancella", romanzo ritornato attuale nell'America di Trump e da cui è stata tratta una serie tv - Le opere e gli interessi di un'autrice che scrive di femminismo, ambiente e si preoccupa per il futuro del nostro pianeta. E che ha destinato una sua opera ai soli lettori del 2114, grazie a una capsula del tempo

Margaret Atwood nel 1985 ha pubblicato Il racconto dell’ancella, romanzo distopico che oggi, a oltre trent’anni dall’uscita in libreria, è tornato al centro dell’attenzione.

L’opera racconta del futuro degli USA dopo l’ascesa al potere di una setta religiosa, misogina e maschilista, che annienta i diritti delle donne rendendole semplici strumenti per la riproduzione.

A Gilead, questo è il nome della teocrazia, le donne ancora fertili diventano ancelle e, private della loro identità, si spostano di casa in casa con lo scopo di dare una prole ai gerarchi le cui mogli sono sterili. Da fine aprile è disponibile sulla piattaforma americana Hulu anche la serie tv tratta dall’opera, che ha ricevuto gli apprezzamenti di critici e pubblico per la fedeltà all’opera di Margaret Atwood e l’attualizzazione di alcuni temi, come la rappresentazione di personaggi di colore e omosessuali. E già negli anni Novanta è stato realizzato un film tratto dal romanzo.

Margaret Atwood

L’autrice canadese, cinque volte Premio Pulitzer, nelle sue opere presta molta attenzione al femminismo così come alle tematiche ambientali e non nega mai la sua preoccupazione per il futuro del nostro pianeta e per la politica. Fin dalla sua prima opera, La donna da mangiare (Longanesi) del 1969, critica la mercificazione del corpo femminile e continua a farlo con Occhio di gatto,  La donna che rubava i mariti, L’altra Grace, Il canto di Penelope, fino al suo ultimo romanzo Per ultimo il cuore (Ponte alle grazie).

Margaret Atwood

Nella trilogia di MaddAddam (Ponte alle grazie), invece, la critica è rivolta allo sfruttamento minorile.  Oltre ai 15 romanzi pubblicati finora, Margaret Atwood è anche autrice di una decina di raccolte di racconti e una ventina di poesie, a cui vanno aggiunti alcuni libri per bambini e saggi su ambiente, politica e femminismo.

Inoltre, l’autrice nel 2014 ha partecipato al progetto scozzese Future Library, fondato da Katie Paterson, e quindi ha inserito un suo libro inedito in una capsula del tempo che verrà aperta solo nel 2114.

“Ora la priorità negli USA è di arginare la regressione che si sta verificando soprattutto per quanto riguarda la salute delle donne”, ha spiegato Margaret Atwood intervistata da Literary Hub sul presente e il futuro degli Stati Uniti, così simile a quello da lei raccontato nei suoi romanzi.

(Visited 5.433 times, 2.250 visits today)

Commenti