Renzi cambia editore, da Mondadori a Feltrinelli: “Diamo voce alle tante sinistre di oggi”

di Antonio Prudenzano | 14.12.2016

Subito dopo la pesante sconfitta al Referendum Renzi ha annunciato di voler scrivere un libro. Per l'occasione l'ex premier lascia Mondadori e passa a Feltrinelli. ilLibraio.it ha parlato con il direttore editoriale Gianluca Foglia: "I testi che stiamo pubblicando dimostrano la volontà di dar voce alle varie anime della sinistra di oggi"


Non è la prima volta che Matteo Renzi cambia… editore. L’ex premier, autore di diversi libri, in passato ha pubblicato con Giunti (Tra De Gasperi e gli U2. I trentenni e il futuro, 2006), poi con Rizzoli (Fuori!, 2011, e Stil Novo. La rivoluzione della bellezza tra Dante e Twitter, 2012), e nel 2013 ha fatto discutere il suo “trasloco” a Segrate (Mondadori ha infatti portato in libreria Oltre la rottamazione).

Come anticipa Repubblica, sarà Feltrinelli la casa editrice del nuovo libro di Renzi, annunciato dallo stesso segretario del Pd subito dopo la pesante sconfitta al Referendum.

Gianluca Foglia (direttore editoriale della Feltrinelli)
Gianluca Foglia (direttore editoriale della Feltrinelli)

Come racconta a ilLibraio.it Gianluca Foglia, direttore editoriale della casa editrice fondata da Giangiacomo Feltrinelli, e ora presieduta dal figlio Carloche ha appena inaugurato con la madre Inge la nuova sede milanese della Fondazione di famiglia, la Feltrinelli di oggi “punta a dar voce alle varie anime della sinistra di oggi, a rappresentare un luogo di incontro e di dibattito per le diverse posizioni, non solo in Italia”.

Non a caso, Foglia ricorda che Feltrinelli ha pubblicato “l’ultimo libro di Giorgio Napolitano sull’Europa, ma anche quello di Ignazio Marino sulla sua esperienza di sindaco di Roma, come pure i saggi di Maurizio Landini sul lavoro e di Carlo Cottarelli sulla spesa pubblica, e più di recente Status quo – Perché in Italia è difficile cambiare le cose di Roberto Perotti. Quindi anche libri non propriamente ‘renziani’. Ci interessa proporre ai lettori delle riflessioni sul senso della sinistra in questi anni complessi”. A livello internazionale, “Feltrinelli ha proposto il libro di Juan Carlos Monedero, fondatore di Podemos, quello di Alec Ross, già consigliere del dipartimento di Stato per l’Innovazione con Hillary Clinton, e L’idea di socialismo di Axel Honneth. Punti di vista molto diversi tra loro anche in questo caso”.

Quanto al nuovo libro di Renzi, Foglia non può aggiungere molto sul contenuto: “Il lavoro sul testo e i temi da affrontare è appena cominciato…”. Il direttore editoriale conferma che è stato il leader del Pd a “scegliere il suo nuovo editore”. Oggi, però, nessuno può prevedere se, quando il libro sarà in libreria, tra febbraio e marzo dell’anno prossimo, Renzi sarà ancora il segretario del Pd e il candidato del centro-sinistra alle prossime elezioni…


LEGGI ANCHE – A Milano la “biblioteca infinita” della nuova Fondazione Feltrinelli