Il libro, un romanzo di formazione in "rime", è stato un caso negli Usa. L'autore, poeta ed educatore, è convinto che la poesia e le forme di comunicazione a essa vicine possano cambiare il mondo ispirando le nuove generazioni... - Su ilLibraio.it alcuni estratti da "Crossover" di Kwame Alexander

Josh Bell ha la testa piena di dreadlock e un talento naturale per il basket. Lui e suo fratello gemello Jordan sono i principi del campo. Ma oltre alla pallacanestro, nelle vene di Josh scorre anche il beat, con cui racconta – in versi veloci e furiosi – la sua difficoltà ad attenersi alle regole, in campo come nella vita.

giunti

Come dimostra la lettura di Crossover, “romanzo hip hop” di Kwame Alexander (che inaugura la collana Link di Giunti), chi sfida le regole spesso non si rende conto che il prezzo da pagare può essere alto, non solo per lui ma anche per gli sta accanto.

Il libro, un romanzo di formazione in “rime”, è stato un caso negli Usa. L’autore è poeta ed educatore. È profondamente convinto che la poesia e le forme di comunicazione a essa vicine possano cambiare il mondo ispirando le nuove generazioni.

Su ilLibraio.it, per gentile concessione dell’editore, proponiamo alcuni estratti:

Caro Jordan

senza di te

sono incompleto,

il canestro

senza la rete.

sembra

una vita, la mia,

inutile,

in frantumi

come pezzi di puzzle

su un campo

che non riesco a comporre

e ti chiedo:

aiutami a rimediare,

corri con me,

giochiamo ancora

come facevamo un tempo.

come due stelle

rubiamo il sole,

come due fratelli

divampiamo.

insieme.

P.S. Mi dispiace.

 

Seconda persona

Dopo gli allenamenti, ti incammini a casa da solo.
Ed è strano perché
da che riesci a ricordare
c’è sempre stata una seconda persona con te.
Sulla strada lunga e battuta dal sole
fai rimbalzare la palla
ma la tua testa
è altrove.
Non è sui playoff cui forse arriverai.
Non è sui compiti che ti aspettano a casa.
E neppure su cosa
mamma preparerà per cena.
Pensi solo: che starà facendo
JB con la sua ragazza dalle Reebok rosa?
Non hai voglia di andare in biblioteca.
Ma non hai scelta
perché la relazione su The Giver è per
domani.
E JB ha la tua copia del libro.
Ma lui è con lei.
Non qui con te
a discutere
su chi sia il più grande,
tra Michael Jordan e Bill Russell 20,
come faceva un tempo.
Il che non è giusto.
Perché JB non pranzerà
con te domani
o dopodomani
o la prossima settimana.
Perché stai andando a casa
da solo
e tuo fratello è il padrone del mondo.

Lo spettacolo

Una scossa alle SPALLE,
una finta con lo SGUARDO…
e il 28 è                      già in ritardo.
Crede di leggermi come una
FAVOLA,
ma appena io volto pagina
lui resta imbambolato,
il che vuol dire: l’ho
FREGATO.
Lui è la banca a cui è rimasto uno scellino
io sono il ladro che fugge col bottino.
Lo blocco, lo freno,
è nei guai,
ce l’ho praticamente in pugno, ormai.
Ecco, si aggiunge anche il 14, che fesso…
ne ho DUE da cucinare, adesso
per loro si mette proprio      M

A
L
E
gli servirò una portata SPECIALE.
Preparo il piatto, verso un bicchiere…
Nessuno si aspetta che sia Filthy a p a s s a r e.
Vondie è al canestro
e io non aspetto più:
eccogli servito il mio
alley-oop.

Regola del basket #1

In questo gioco che è la vita
la tua famiglia è il campo
e la palla il tuo cuore.
Non importa quanto tu sia bravo,
né quanto a volte ti senta giù,
il tuo cuore
lascialo sempre lì,
sopra a quel campo.

(continua in libreria…)

(Visited 199 times, 199 visits today)

Commenti