Giada Sundas, che sui social (e nel suo primo romanzo) racconta con autoironia la sua esperienza di mamma "ribelle" e imperfetta, questa volta su ilLibraio.it parla dei papà di oggi... Ecco il suo "decalogo"

Un giorno ti è stato messo tra le braccia un fagotto stropicciato e ti è stato detto che era tuo, veniva da te. Da quel giorno hai iniziato una vita nuova dove le tue priorità sono cambiate, il tuo sonno condito di piedini puntati e il tuo orgoglio colmato fino all’orlo. Hai deciso che, da quel momento, niente sarebbe venuto prima di lui e che avresti dato tutto per renderlo felice.

Leggi anche

Dieci segnali che indicano che stai facendo bene il tuo lavoro di papà:

1. Dedichi tre ore del tuo tempo libero tra progettazione, sopralluoghi e richieste di licenze edilizie per la costruzione di una mastodontica struttura di Lego che tuo figlio distruggerà per il mero piacere di farlo.
2. Hai fatto del “chiedi a mamma” un mantra quotidiano.
3. Hai sottoposto a dodici ore di interrogatorio il bambino che al parco giochi ha spinto tuo figlio sullo scivolo.
4. Hai speso ottomila euro e sei dovuto andare in una clinica per alcolisti per permettere al tuo bambino di bucare tutto il casellario dei Boeri.
5. Lo riprendi sempre al volo dopo che l’hai lanciato oltre la troposfera.
6. Vinci sempre la silenziosa competizione tra te e il papà che spinge suo figlio nell’altalena accanto.
7. Ti complimenti sinceramente con il tuo bambino quando questo ti mostra fiero la buona riuscita dell’estrazione di una caccola da due etti.
8. Sai già che mentre giocherai con lui ti verranno assestati un paio di calci o di ginocchiate lì, da dove è venuto.
9. Per qualche assurdo motivo i tuoi regali per la festa del papà comprendono solo disegni del contorno di una manina, mentre per la festa della mamma ti tocca spendere duecento euro da Pandora e firmare un biglietto con i nomi dei tuoi figli.
10. I mostri sotto al letto hanno paura di te.
Un giorno, a scuola, gli verrà chiesto di disegnare il suo supereroe preferito e lui tornerà a casa con un tuo ritratto con i piedi di mattoni e sue soli al posto delle mani.

L’AUTRICE E IL LIBRO – Giada Sundas è una giovane madre molto seguita in rete. Sui social racconta la sua esperienza di “madre imperfetta ma imperterrita” con freschezza e ironia. Il suo romanzo d’esordio, edito da Garzanti, si intitola Le mamme ribelli non hanno paura, e racconta la storia di Giada dal giorno in cui la piccola vita di Mya, sua figlia, ha cominciato a crescere dentro di lei.
Qui tutti gli articoli di Giada Sundas per ilLibraio.it.

(Visited 2.988 times, 1.048 visits today)

Commenti