"Orfeo, la ninfa Siringa e le percussioni pazze dei Coribanti - Tre miti sull’origine della musica", il libro per ragazzi di Franco Lorenzoni

Orfeo, appena nato, invece di piangere e urlare, cominciò a cantare. Cantava in un modo così particolare che gli uccelli che volavano lì intorno si appollaiarono al bordo della sua culla e si misero ad ascoltare. C’è chi sostiene invece che fu Orfeo che imparò a cantare ascoltando gli uccelli arrivati dal cielo, intrecciando la sua voce ai loro gorgheggi. Poi, crescendo, Orfeo si innamorò di Euridice, e il suo canto era così appassionato e pieno di armonia da infondere buon umore in chi lo ascoltava.

Siringa vive in un bosco e quando cammina danza. Un giorno si accorge che qualcuno la sta seguendo. È Pan, innamoratosi di lei al primo sguardo. Ma Siringa ha paura di quel ragazzo impetuoso, che somiglia a un animale o forse a un dio dei boschi, e così fugge. Pan la insegue, sempre più desideroso. Per non lasciarsi prendere, Siringa invoca l’aiuto delle Luna, che la trasforma in un cespuglio di canne. Per tenere con sé quella ragazza tanto amata, Pan costruisce un flauto di canne, il più antico strumento musicale mai costruito al mondo. Lo porterà sempre con sé e suonandolo terrà vivo il ricordo dell’amore per la ninfa Siringa.

Rea, moglie di Crono (che le ha già divorato i figli), salverà con uno stratagemma l’ultimo figlio nato: ha invitato un gruppo di ragazzi chiamati Coribanti che copriranno il pianto del bimbo battendo pietre, bastoni e metalli. Urlano e sbraitano al ritmo scatenato delle loro voci che accompagnano i loro tamburi improvvisati, e così fanno scoprire a tutti che al mondo è nata la musica. Una musica percossa a perdifiato, suonata per salvare la vita a un neonato.

Rrose Sélavy editore

Rrose Sélavy Editore porta in libreria un testo prezioso, Orfeo, la ninfa Siringa e le percussioni pazze dei Coribanti – Tre miti sull’origine della musica, scritto da Franco Lorenzoni e illustrato da Federico Maggioni.

(Visited 279 times, 279 visits today)

Commenti