Valter Longo con "La dieta della longevità" sta conquistando i lettori e i media di tutto il mondo. Anche secondo Umberto Veronesi la sua dieta "mima-digiuno" rallenta l'invecchiamento. Il segreto per vivere più a lungo? L'alimentazione...

Per vivere più a lungo l’alimentazione è fondamentale: non a caso, Valter Longo con La dieta della longevità, in libreria per Vallardi, è il caso editoriale del momento. La sua dieta conquista i lettori e l’attenzione mediatica, in Italia e non solo. Del resto, già due anni fa la prestigiosa Time americana ha eletto Valter Longo “guru della longevità”.

Lo scienziato che sta rivoluzionando la ricerca su staminali e invecchiamento, è l’ideatore della cosiddetta dieta “mima-digiuno” (qui è possibile leggere un estratto in anteprima, ndr), che anche secondo Umberto Veronesi  “abbassa i fattori di rischio associati all’invecchiamento, come ad esempio le malattie cardiovascolari, il diabete, l’obesità e il cancro. In pratica l’invecchiamento viene rallentato, assicurandoci dieci anni di vita in più”.

valter longo

Ma chi è Valter Longo? Classe ’67, è italiano (è nato a Genova), ma da quando a 16 anni vive tra gli Stati Uniti e il nostro paese. Grande appassionato di musica, alla fine Longo ha scelto la biochimica, specializzandosi nello studio dell’invecchiamento. Dopo essersi laureato all’Università del North Texas, nel ’97 è arrivato il dottorato di ricerca in Biochimica all’Ucla di Los Angeles. Con gli anni gli studi sono proseguiti, e oggi l’autore de La dieta della longevità è Professore di Biogerontologia e Direttore dell’Istituto sulla Longevità all’USC – Davis School of Gerontology di Los Angeles e direttore del programma di Oncologia e longevità in IFOM.

Da anni, dunque, Valter Longo si occupa di alimentazione e del rapporto tra salute e nutrizione. Nella sua dieta chiarisce come gli alimenti possono diventare i migliori alleati per vivere più a lungo.

Per la sua dieta Valter Longo si è basato su una strategia a cinque pilastri: curarsi con il cibo è possibile, secondo il ricercatore genovese, ed è il modo più efficace per ridurre il grasso addominale. Non solo: permette di rigenerare e ringiovanire il corpo abbattendo in modo significativo il rischio di cancro, patologie cardiovascolari e autoimmuni, diabete e malattie neurodegenerative come l’Alzheimer.

Infine, un dettaglio non da poco: Valter Longo ha deciso di devolvere tutti i proventi del suo libro alla Fondazione non profit Create Cures, “per promuovere e sponsorizzare la ricerca di terapie alternative e integrative a basso costo per l’invecchiamento, il cancro, l’Alzheimer, le malattie cardiovascolari, il diabete, la sclerosi multipla, il morbo di Crohn e altre malattie”.


LEGGI ANCHE – “Il crepuscolo degli chef”: l’ossessione per il cibo è una bolla mediatica? 

(Visited 5.028 times, 743 visits today)

Commenti