Iperborea festeggia 30 anni con una nuova collana, Luci, un viaggio a ritroso nel tempo per riscoprire i classici pubblicati agli albori della casa editrice e introvabili da anni...

Nel 2017 Iperborea festeggia 30 anni con una nuova collana, Luci, un viaggio a ritroso nel tempo per riscoprire i grandi classici pubblicati agli albori della casa editrice e introvabili da anni.

Si tratta di dieci titoli che, come sottolinea un comunicato, rappresentano anche un viaggio ideale attraverso 150 anni di letteratura scandinava sulle sue vette più luminose. “Una nostra scelta personale e arbitraria, come lo può essere una compilation, tra gli autori che meglio hanno espresso con i loro libri ciò che più amiamo della letteratura venuta dal freddo: i grandi orizzonti, il piacere del racconto, i dilemmi etici ed esistenziali, l’eterno interrogarsi sull’epica, farsesca, tragicomica vicenda umana. E l’attitudine molto nordica di non prendersi mai troppo sul serio”. Un viaggio dedicato ai lettori “che ci hanno accompagnato libro per libro fino a questo bel traguardo. In particolare a quelli che alle fiere, via email, via lettera, sui social network reclamano ‘quando ristampate quel…?’.

I 10 titoli (riproposti con traduzioni aggiornate, nuove postfazioni e in una veste grafica ideata da xxystudio) sono: Niels Lyhne di Jacobsen, Il nano di Lagerkvist, Il pomeriggio di un piastrellista di Gustafsson, Gli uccelli di Vesaas, Il settimo sigillo di Bergman, L’uomo che voleva essere colpevole di Stangerup, L’onesta bugiarda di Jansson, Arabia Felix di Hansen, La regina di Saba di Hamsun e Jerusalem di Lagerlöf.

Commenti