Arriva in libreria "Abolire il carcere - Una ragionevole proposta per la sicurezza dei cittadini", un volume destinato a far discutere

Non è una provocazione. Nel 1978 il parlamento italiano votò la legge per l’abolizione dei manicomi dopo anni di denunce della loro disumanità. Ora, stando a Luigi Manconi, Stefano Anastasia, Valentina Calderone, Federica Resta, autori per Chiarelettere di Abolire il carcere – Una ragionevole proposta per la sicurezza dei cittazoni (prefazione di Gustavo Zagrebelsky), dobbiamo abolire le carceri, che, stando al loro libro, servono solo a riprodurre crimini e criminali e tradiscono i principi fondamentali della nostra Costituzione. Tutti i paesi europei più avanzati stanno drasticamente riducendo l’area del carcere (solo il 24 per cento dei condannati va in carcere in Francia e in Inghilterra, in Italia l’82 per cento). Nel nostro paese chi ruba in un supermercato si trova detenuto accanto a chi ha commesso crimini efferati. Il carcere è per tutti, in teoria. Ma non serve a nessuno, in pratica. I numeri parlano chiaro: la percentuale di recidiva è altissima. E dunque? La verità, stando agli autori, è che la stragrande maggioranza dei cittadini italiani non ha idea di che cosa sia una prigione. Per questo la invoca, ma per gli altri.

Chiarelettere

Nel libro si spiega che la detenzione in strutture in genere fatiscenti e sovraffollate deve essere quindi abolita e sostituita da misure alternative più adeguate, efficaci ed economiche, capaci di soddisfare tanto la domanda di giustizia dei cittadini nei confronti degli autori di reati più gravi (solo una piccola quota dei detenuti) quanto il diritto del condannato al pieno reinserimento sociale al termine della pena, oggi sistematicamente disatteso. Il libro indica anche proposte, già oggi attuabili, per provare a diventare un paese civile e lasciarci alle spalle decenni di illegalità, violenze e morti.

LEGGI ANCHE:

Un club del libro molto particolare: aiuta a non tornare in carcere

Commenti