I libri "sono la più semplice ed efficace forma di evasione dalla quotidianità e dalla malinconia, l’aiuto più concreto per uscire dalla mediocrità. Sono uno degli strumenti più potenti di cui disponiamo per scoprire nuovi mondi, nuovi modi di vivere e di pensare, nuove vie d’uscita". Recita così il manifesto-dichiarazione d'intenti di Acciobooks, un portale per lo scambio e la vendita di libri usati. L'idea è partita da Gloria Pozzoli

I libri “sono la più semplice ed efficace forma di evasione dalla quotidianità e dalla malinconia, l’aiuto più concreto per uscire dalla mediocrità. Sono uno degli strumenti più potenti di cui disponiamo per scoprire nuovi Mondi, nuovi modi di vivere e di pensare, nuove vie d’uscita”. Recita così il manifesto-dichiarazione d’intenti di Acciobooks, un portale per lo scambio e la vendita di libri usati, un modo semplice di ottenere libri in maniera quasi gratuita. L’idea è partita da Gloria Pozzoli, ventottenne della provincia di Monza laureata in graphic design, che ha fondato il sito e lavora come grafica freelance.

Acciobooks – riferimento che i potteriani avranno colto immediatamente – nasce dalla consapevolezza di quanto i libri siano essenziali alla vita delle persone, essendo veicoli portanti di cultura e sapere. Ma non sempre sono reperibili con facilità: Acciobooks aiuta le persone a ottenere in tempi brevi, gratuitamente – o quasi – i titoli che desiderano. “Era solo un’idea: ho accettato la sfida e ho provato a concretizzarla”. La piattaforma è online dal 2014 e conta più di 10.000 utenti. Come funziona?

Acciobooks copertina credits di cerebbe usare questa tua foto, ovviamente con i credits. Saresti disponibile? Grazie mille Martina annie_dos_douradores
Foto di @annie_dos_douradores

Il database conta più di 41000 titoli, in costante aggiornamento. Tutto ciò che l’utente deve fare è caricare nella propria “libreria” online i titoli da scambiare. Se i suoi libri destano l’interesse di qualche altro utente, questi potrà scrivergli in privato e accordarsi per lo scambio. In caso positivo, basterà andare alle Poste e fare una spedizione attraverso il “piego di libri”, che permette di spedire materiale editoriale a un prezzo irrisorio. Da quel momento, non resta che aspettare l’arrivo del libro agognato.

Il sito è attivissimo sui social: la maggioranza degli utenti scoprono il sito attraverso la pagina Instagram (@thebooksrebellion), che riposta le foto degli utenti che attuano gli scambi. “Abbiamo anche appena iniziato un gruppo di lettura”, spiega Gloria: “Ogni mese leggiamo un libro insieme ai nostri utenti, e tutti possono dire la loro su Instagram o sul nostro gruppo Facebook. Insomma, siamo una grande e appassionata community”.

acciobooks foto utente
Foto di @Juliabbi

Come ogni grande progetto, però, ha impiegato un bel po’ di tempo a ingranare: “La condivisione è difficoltosa, non siamo abituati a condividere e, anzi, molti storcono il naso all’idea di lasciare agli altri un libro, anche se magari non è piaciuto e rimane sulla mensola a prendere polvere. Ma con Acciobooks si è verificato un ‘effetto collaterale’ meraviglioso: dopo un po’ che si scambia, diventa un gesto naturale, e capita spesso che i libri vengano addirittura regalati da perfetti sconosciuti. Questa cosa mi rende davvero fiera del sito”.

Commenti