Articolo

“Il cratere”: profondità di Campania e piano di fuga

Neorealismo e neomelodico. Realtà sceneggiata (nel napoletano) e finzione più vera del vero s’intrecciano, senza soluzione di continuità. Fuoco (terra dei fuochi, inferno) e sfocato (soffocato, interno). Con-fusione di pazzia pigmalionica e pupazzi per padri padroni. Povertà (di mezzi) e ribellione (di stile).…

Articolo

“Visages, Villages”: un viaggio dello sguardo gentile di Agnès Varda e JR

Se gli occhi sono, proverbialmente, le finestre sull'anima, il volto è allora la parete che ne protegge e insieme ne rivela i segni e i sogni. La regista 88enne Agnès Varda, minuta dalla chioma bicolore, sguardo acutissimo seppur sfocato dall'età, inquadrato da rughe portate con nonchalance sbarazzina, e il 33enne…

Articolo

“The Florida Project”: nel film di Sean Baker l’America non è una favola

I bambini ci guardano, direbbe Vittorio De Sica. E noi guardiamo il mondo, e la sua corruzione, attraverso i loro occhi, innocenti e senza cuore direbbe James Barrie. In The Florida Project di Sean Baker questo sguardo neorealistico e insieme fantastico è posato su un'America iperrealistica, finta e verissima insieme,…

Articolo

“Quello che non so di lei”: trappola per topoi di Roman Polanski

Tratto dal romanzo di Delphine de Vigan Da una storia vera (Mondadori), sceneggiato a quattro mani con Olivier Assayas, l'ultimo film di Roman Polanski, con la moglie Emnanuelle Seigner per la quinta volta sul set del regista nei panni autobiografici d'invenzione dell'autrice francese, racconta di una scrittrice di…

Articolo

“The Post” di Spielberg: quando il messaggio e l’impegno non bastano

Esercizio retorico nobile di sublime architettura e di grande efficacia, The Post di Steven Spielberg è un film al servizio di un'ottima causa, anzi due. La libertà di parola sancita dal Primo emendamento, principio come non mai attuale e decisamente a rischio nell'era Trump, è qui infatti declinata come potere di…