Da news

"Vertical drama": dalla Cina la nuova tendenza per le serie

"Vertical drama": dalla Cina la nuova tendenza…

Quei lettori che quando leggono un bel libro iniziano a consigliarlo a tutti

Quei lettori che quando leggono un bel…

Le voci delle scrittrici Afropolitan

Le voci delle scrittrici Afropolitan

A Montevideo una libreria fuori dal comune

A Montevideo una libreria fuori dal comune

Serie: come Beverly Hills 90210 ha rivoluzionato il racconto dell'adolescenza

Serie: come Beverly Hills 90210 ha rivoluzionato…

Proust, lo scrittore che cercava il tempo perduto

Proust, lo scrittore che cercava il tempo…

Corsi di formazione in libreria

Corsi di formazione in libreria

I protagonisti di Babel, il festival di letteratura e traduzione di Bellinzona

I protagonisti di Babel, il festival di…

Italo Calvino: barone o viaggiatore?

Italo Calvino: barone o viaggiatore?

Il bello di avere un amico che ama i libri

Il bello di avere un amico che…

Julio Cortázar, maestro del racconto: i libri dello scrittore argentino

Julio Cortázar, maestro del racconto: i libri…

A Piacenza arriva "Pagine", una libreria specializzata in narrativa (sud)americana

A Piacenza arriva "Pagine", una libreria specializzata…

L'autore

Ali Agca

Ali Agca

Trent’anni di bugie, false piste e processi sbagliati. Da quel fatidico e tragico 13 maggio 1981 quando in piazza San Pietro, tra un mare di folla, papa Wojtyla fu gravemente ferito. Perché e chi armò la mano di Agca, il suo attentatore? Chi lo mandò a Roma col preciso incarico di uccidere “il capo dei cristiani”? Per la prima volta è lo stesso Agca a divulgare il vero motivo dell’attentato e il contenuto del colloquio con il papa quando Wojtyla lo andò a trovare in carcere perdonandolo per quello che aveva fatto. Tutto il mondo ne parlò ma finora quel dialogo è sempre rimasto segreto. Questo libro, che si legge davvero come un romanzo, è il racconto in prima persona di Agca, dei suoi trascorsi da soldato islamico e combattente per una causa – la vittoria dell’islam sull’occidente e la morte del cristianesimo – che ora lui definitivamente condanna. Dai primi sassi lanciati quando era bambino agli attentati a esponenti comunisti del suo paese in un crescendo di odio e voglia di riscatto, sempre al servizio della causa islamica, fino all’incontro col “grande mandante”, la cui identità viene qui rivelata. L’autore ci dice che i motivi di quell’attentato sono attuali e che l’intero occidente è ancora in pericolo. per questo oggi ha deciso di parlare. La sua verità sgombra il campo da bugie che lui stesso ha costruito per coprire i veri mandanti di un attentato che non è stato un caso isolato ma l’inizio di una strategia del terrore.

Citazioni libri autore

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.