Da news

Hideo Azuma, il creatore di Pollon, racconta i suoi anni da senzatetto

Hideo Azuma, il creatore di Pollon, racconta…

"Trasparenza": le poesie di Maria Borio

"Trasparenza": le poesie di Maria Borio

Alessia Gazzola vince il premio Bancarella 2019

Alessia Gazzola vince il premio Bancarella 2019

Una barca confiscata alla mafia è diventata una biblioteca galleggiante

Una barca confiscata alla mafia è diventata…

Accessori da viaggio: le borracce letterarie

Accessori da viaggio: le borracce letterarie

Perché rileggere "Frammenti di un discorso amoroso" di Roland Barthes

Perché rileggere "Frammenti di un discorso amoroso"…

Il fascino di De Crescenzo e della sua Napoli

Il fascino di De Crescenzo e della…

"È in atto una drammatica perdita di valori": Cristiano Godano dei Marlene Kuntz si racconta

"È in atto una drammatica perdita di…

I saggi sulla lingua italiana di Luca Serianni

I saggi sulla lingua italiana di Luca…

Giulio Pedani, autore di un romanzo sulla via Francigena: “Il cammino è l’unica vera connessione con quello che siamo”

Giulio Pedani, autore di un romanzo sulla…

È morto Mattia Torre

È morto Mattia Torre

Come ripensare il lavoro nell’età dell’intelligenza artificiale

Come ripensare il lavoro nell’età dell’intelligenza artificiale

L'autore

Monica Dickens

Monica Dickens

Monica Dickens (1915-1992), pronipote di Charles Dickens, aveva l’abilità di scrivere dell’ordinario tenendo i suoi lettori attaccati alla pagina. Enormemente apprezzata da alcuni autori (Rebecca West, JB Priestley, Elizabeth Bowen) fu anche molto sottostimata, perché – come dice AS Byatt, sua grandissima fan – “la critica letteraria tende a creare un confine artificioso tra gli scrittori seri e le donne che scrivono libri di enorme successo”. Impiegò un po’ di tempo a capire cosa fare di sé: espulsa da scuola, provò con la recitazione, ma non funzionò. Presentata a Corte nel 1935, comprese presto che non era quella la vita che desiderava. Andò a fare la cameriera e la cuoca, l’infermiera durante gli anni di guerra, poi la giornalista: raccontò queste esperienze in alcuni libri. Nel frattempo si mise a scrivere romanzi, che ebbero uno straordinario successo perché non solo fu “uno degli osservatori più teneri e umoristici della scena inglese” (J.Betjeman) ma perché “i suoi eroi e le sue eroine sono caratterizzati da un’innocenza coraggiosa e attraente, da un desiderio di essere utili che viene gradualmente fiaccato da circostanze interamente al di là delle loro capacità” (AS Byatt). Sposatasi con un americano, nel 1951 si trasferì negli Stati Uniti, dove rimase fino al 1985, anno in cui morì il marito.

Citazioni libri autore

Non è stata inserita nessuna citazione tratta da questo libro.
Quando soffia il vento

Quando soffia il vento

M. Dickens

Londra, anni cinquanta. Louise ha un matrimonio insoddisfacente e tre figlie ormai adulte con cui ha sempre avuto dei rapporti…

Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.