“Con le donazioni del 2018 sale a oltre 600mila il numero totale di libri raccolti per le scuole nei tre anni di storia di #ioleggoperché"

Durante i nove giorni di donazioni targati #ioleggoperché sono stati quasi 200.000 i libri (195. 470 per la precisione) raccolti nelle librerie aderenti per le biblioteche scolastiche di tutta Italia, 85.000 in più rispetto al 2017 (+75,8%). A questi si aggiungeranno i 100.000 nuovi volumi messi a disposizione dagli editori.

Le regioni dove si è donato di più sono la Lombardia, l’Emilia Romagna e il Veneto, seguite da Piemonte, Toscana, Campania e Puglia. Hanno raddoppiato la partecipazione rispetto al 2017 anche Basilicata, Molise e Trentino. Dopo i grandi capoluoghi di regione come Roma, Milano, Bologna, Napoli, Torino e Palermo, le città più prodighe sono state Asti, Parma, Grosseto e Modena. I titoli più donati sono stati: La fabbrica di cioccolato di Roald Dahl, seguito da Il piccolo Principe di Antoine De Saint-Exuperry (nel 2017 era il primo tra i più regalati), e da Wonder di R. J. Palacio.

Come ricorda il comunicato conclusivo, #ioleggoperché  ha visto il coinvolgimento di 2 milioni di studenti, di oltre 9.000 scuole e di 2.130 librerie.

Oltre un migliaio gli eventi organizzati sul territorio da studenti, librai, insegnanti, volontari e famiglie nelle piazze e nelle librerie d’Italia. Le animazioni più creative realizzate per promuovere le donazioni e candidate al contest #ioleggoperché 2018, saranno premiate a dicembre, grazie al supporto di SIAE, con 10 buoni da 1500 euro per l’acquisto di libri.

“Con le donazioni del 2018 sale a oltre 600mila il numero totale di libri raccolti per le scuole nei tre anni di storia di #ioleggoperché– sottolinea Ricardo Franco Levi, Presidente di AIE –, che è il risultato di un lavoro importante di squadra. La stretta collaborazione con il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca e il Centro per Libro e la Lettura, il grande lavoro di librerie e biblioteche mettono in luce la generosa risposta degli italiani. Un doveroso grazie va ai ragazzi, alle loro famiglie, agli insegnanti e ai librai, ai nostri ambassador Rudy Zerbi e Luciana Littizzetto e a tutti i partner. È una grande squadra, affiatata, che lavora insieme per far crescere nuovi lettori”.

“Un libro è una finestra che qualcun altro ha aperto per noi per guardare il mondo da prospettive diverse. Grazie alla generosità e al senso di responsabilità dei cittadini, delle istituzioni e degli editori italiani, – ha dichiarato il Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Marco Bussetti – #ioleggoperché porterà quest’anno nelle biblioteche dei nostri istituti scolastici 300mila volumi, che stimoleranno nei bambini e nei ragazzi curiosità, interesse, passione per la lettura. Come MIUR siamo orgogliosi di essere partner di questa iniziativa di successo che coinvolge 2 milioni di studenti. Dimostra che facendo sistema riusciamo a ottenere risultati significativi per i nostri giovani. Continuiamo insieme su questa strada, con lo stesso entusiasmo e la stessa determinazione”.

 

 

Commenti