La crisi del settore fa un'altra vittima. Patrizio Zurru, libraio appassionato e pieno di idee ("Letti di notte", solo per fare un esempio) si arrende. Ma con ilLibraio.it guarda anche al futuro: "Lavorerò ancora coi libri, con l'agenzia letteraria Stradescritte.it e con Satellitelibri. E dall'autunno collaborerò come consulente con una nuova libreria...". Quanto alla situazione nella sua regione, invece... - Intervista

Davvero una brutta notizia quella che arriva da Cagliari, dove sta per chiudere “Piazza della Repubblica Libri”, il negozio di Patrizio Zurru, libraio speciale, pieno di idee (solo per fare un esempio, è tra i promotori di Letti di notte) e passione (ha iniziato a fare questo mestiere più di 25 anni fa), oltre che molto attivo in rete: “Per quanto ci abbia provato la Sardegna non è una terra accogliente…”, inizia così l’amaro intervento del libraio sardo pubblicato da SardegnaBlogger, che ha subito fatto il giro della rete.

La crisi del settore, dunque, fa un’altra vittima. Ma a ilLibraio.it Zurru chiarisce che il suo non è un addio alla passione di una vita: “Lavorerò ancora coi libri, con l’agenzia letteraria Stradescritte.it e con Satellitelibri. E dall’autunno collaborerò come consulente con una nuova libreria che dovrebbe aprire”.

Zurru ci racconta che la decisione di mettere fine all’avventura “è maturata dopo aver fatto e rifatto i conti, che non tornavano più. Mi spiaceva moltissimo non riuscire più a pagare i fornitori, spesso piccoli editori. Per questo ho preferito chiudere”.

C’è spazio per un piccolo sfogo: “All’inizio, nel mondo del libro sardo, c’era più creatività e voglia di collaborare. Col tempo, i format sono diventati ripetitivi, e ci si è chiusi troppo. A volte l’insularità può rappresentare un limite. Io, invece, ho fisicamente bisogno di aprirmi e di imparare ogni giorno da altre esperienze. E ho imparato tanto in questi anni dai miei colleghi di tutta Italia”.

Commenti