"Buon primo giorno a te, supplente alle prime armi, che stanotte dormirai cinque minuti. E in quei cinque minuti avrai gli incubi... Buon primo giorno a te, che sei a un passo dalla pensione, e che domani metterai una bella x sul calendario, sorridendo al tuo conto alla rovescia"

Buon primo giorno a te, che se solo pensi alla sveglia di domani mattina devi correre a cercare i fazzoletti.

Buon primo giorno a te, che invece non vedi l’ora, e hai già scelto come vestirti, che quaderni portare, cartella già pronta da stamattina.

Buon primo giorno a te che speri che il meteorite della pubblicità centri in pieno la tua scuola.

Buon primo giorno a te, supplente alle prime armi, che stanotte dormirai cinque minuti. E in quei cinque minuti avrai gli incubi.

Buon primo giorno a te, che sei a un passo dalla pensione, e che domani metterai una bella x sul calendario, sorridendo al tuo conto alla rovescia.

Buon primo giorno a te, che stai scaldando il termometro proprio in questo momento, e che appena arriverà a trentotto e due urlerai Mammaaaaaaaa. Sappi che non funzionerà. Ci ho già provato io mille volte.

Buon primo giorno a te, che non hai fatto i compiti per le vacanze, e che in questo momento stai cercando di escogitare una scusa credibile.

Buon primo giorno a te, genitore che non vedi l’ora di avere finalmente la mattina libera, almeno per un po’.

Buon primo giorno a te, invece, che tuo figlio ti mancherà tutto il giorno.

E infine buon primo giorno a te, tizio allo specchio, che anche se ormai sono dodici volte che ti ritrovi alla sera prima del primo giorno, non puoi fare a meno di avere la strizza. E che in fondo speri di avere sempre, anche fra trenta primi giorni.

L’AUTORE – Enrico Galiano, insegnante e scrittore molto seguito sui social, da docente ha un motto: «Non ti ascoltano, se tu per primo non li ascolti».

Eppure cadiamo felici (Garzanti), il suo romanzo d’esordio, racconta la storia di una ragazza di nome Gioia che colleziona parole intraducibili e si innamora di Lo che, nascosto dal cappuccio della felpa, gioca da solo a freccette in un bar chiuso. Quando i due giovani si innamorano, Lo sparisce nel nulla e starà a Gioia scoprire cosa è successo…

Il suo secondo romanzo, Tutta la vita che vuoi, vede protagonisti tre adolescenti, che parlano di loro stessi, delle loro paure, delle loro speranze e imparano che per sentirsi vivi c’è solo una cosa da fare: mettersi in gioco, rischiare qualcosa di vero.

Qui tutti gli articoli scritti da Galiano per ilLibraio.it.

Commenti