Tornano i consigli dell'editor-bassista, questa volta pensati per chi in questi giorni di festa leggerà fantascienza, libri d'amore, thriller, romanzi letterari o... #EditingSoundscape

L’unico vero modo che conosco per santificare le feste è corrispondente a questo acronimo: LLAP. Per chi non parlasse vulcaniano: Live Long and Prosper, «Lunga vita e prosperità». Affascinante, vero? Ma non intendevo questo, anzi, prima che il tasso di nerdità di questo articolo superi la fatale soglia che divide Star Trek da Star Wars, meglio specificare: LLAP ovvero Leggere, Libare, Ascoltare (musica, ovviamente) e soprattutto Passaparolare. Chi non dedica le ferie a queste attività non sa cosa si perde.

La colonna sonora per queste ferie di fine anno, dunque: eccola, con le relative motivazioni.

1) Per chi leggerà libri di fantascienza o che hanno a che fare con il fantastico in generale…

Motivazione: se Peter Gabriel non è motivazione sufficiente, ne aggiungo un’altra: questo brano fa parte della colonna sonora di un film di Kathryn Bigelow. Si intitola Strange Days. Ed è ambientato nel giorno di capodanno, ma non un capodanno qualsiasi: quello che ha concluso lo scorso millennio.

Per un ascolto esteso, consiglio questo scorcio di futuro lanciato dal passato:

 

2) Per chi leggerà romanzi d’amore

Non può esistere altra scelta, oggettivamente.

Motivazione: se è vero che l’amore è innanzitutto seduzione, non esiste e forse mai esisterà voce altrettanto seducente di quella dell’italoamericano più famoso di tutti i tempi. Provare per credere. E per un ascolto esteso, tutto l’album Come fly with me. Ma in alternativa posso suggerire una delle voci più strane e spiazzanti che io conosca:

3) Per chi leggerà libri di viaggio

Motivazione: Leggere libri di viaggio significa anche scoprire dei posti nuovi attraverso le parole di altri che ci sono stati. Un po’ come ascoltare delle cover, no? E soprattutto leggere libri (di viaggio, ma anche qualsiasi romanzo) è volare alto, guardare il mondo senza voler mettere i piedi a terra… E per un ascolto esteso:

4)Per chi leggerà romanzi storici, esotici, avventurosi

Motivazione: a muovere le vicende dei romanzi di questo genere è spesso un mistero o appunto un enigma. Ma in musica e in versione pop, con tutto il ritmo dell’avventura. Tuttavia in questo caso consiglio spassionatamente l’ascolto esteso… Anche perché la musica che state per ascoltare ha fatto parte della colonna sonora di uno dei ‘film da festa’ per eccellenza, a mio personalissimo parere: L’esorcista di William Friedkin.

 

5) Per chi leggerà romanzi ‘letterari’

Motivazione: raffinato, suadente, cesellato, impeccabile. Potrei andare avanti per ore. Ma mi interessa ancora di più sfidarvi con questo spunto di ascolto esteso, apparentemente del tutto distonico con una lettura cosiddetta ‘letteraria’:

Perché? Perché questo album è la storia dell’ossessione per la perfezione di un uomo, Trevor Horn, che non è soltanto l’occhialuto dei Buggles di Video Killed the Radio Star, ma anche uno dei produttori più accaniti e famosi di quegli anni, insieme al trio Stock, Aitken e Waterman. Un’ossessione che lo portò a rimanere giorni e giorni in studio da solo, a rifare gli arrangiamenti (obiettivamente majestic) dei FGTH.

 

6)Per chi leggerà commedie

Motivazione: la motivazione è duplice. La prima è che non sono feste se non si balla, e io vi sfido all’immobilità con questo brano. Quante battute riuscite a resistere senza nemmeno, nemmeno, battere il piede a ritmo? (Vi ho visto!). La seconda motivazione? Questo brano fa parte della colonna sonora di uno dei film che sicuramente trasmetteranno durante le ferie di fine anno. Imperdibile.

E per un ascolto esteso (irresistibili):

 

7)Per chi leggerà thriller

Motivazione: «Ma come? La canzone più famosa dei Police, una canzone d’amore… per un thriller?» Eh, la risposta è sì. Voi come definireste uno che a ogni vostro respiro, a ogni vostro passo, a ogni vostra mossa vi guarda? C’è un termine specifico (e che tra l’altro è il titolo originale svedese di un magnifico e sontuoso thriller che troverete in libreria a gennaio 2015): stalker. E per un ascolto esteso, consiglio la magnetica, furiosa e suadente voce della bellissima Toni Halliday:

Commenti