"Il fatto che sia diventata mamma molto presto ha fatto sì che fossi completamente sola in questa mia nuova avventura". La mamma "ribelle" Giada Sundas, amata sui social per la vena autoironica, si racconta in un sentito dialogo a distanza "l’amica sempregiovane, quella che non solo non ha figli, ma non ha neanche nessun vincolo né responsabilità"

Il fatto che sia diventata mamma molto giovane ha fatto sì che fossi completamente sola in questa mia nuova avventura. Mentre io cambiavo pannolini e puzzavo di latte, i miei amici davano esami all’università e puzzavano di birra. Le nostre vite hanno preso strade diverse, ma questo non significa che non si incontrino mai. Tante persone sono sparite, come se ormai le nostre esistenze non avessero più nulla da condividere, ma lei no, lei c’è.

Lei, l’amica sempregiovane, quella che non solo non ha figli, ma non ha neanche nessun vincolo né responsabilità. L’amica che vive la giornata, quella libera da qualsiasi rottura di palle. Ce l’abbiamo tutti l’amica che ci fa rimpiangere e mettere in discussione qualsiasi scelta della nostra vita.

Leggi anche

Cara amica sempregiovane, lascia che ti dica un paio di cose. Muoio di invidia quando registri la tua posizione in un centro benessere; io, l’ultima volta che ho fatto lo scrub, è stato quando sono passati i mezzi spargisale e me ne hanno lanciato un po’ in faccia.

Soffro come un cane a vedere le foto dei tuoi outfit coordinati, stretta nella tua taglia quaranta, con accessori abbinati. Io indosso ancora alcuni dei vestiti prémaman di quando ero incinta. Tre anni fa.

Non riesco a sopportare di guardare le tue Instagram stories mentre viaggi in posti che ho sentito nominare solo in Trivial Pursuit, mentre io dal mio divano viaggio guardando National Geographic.

Mentre tu sei in palestra, io sono al parco giochi; mentre tu fai l’aperitivo, io sto già sparecchiando la tavola; mentre tu fai shopping, io guardo le offerte del supermercato; mentre balli in un club, io leggo fiabe.

Le nostre vite non potrebbero essere più diverse, eppure guardaci, la nostra amicizia è ancora in piedi. Tu mi racconti della tua nuova fiamma, io ti racconto dei suoi primi passi. Le nostre priorità sono diverse, ma noi siamo le stesse.

Quindi, amica senza figli, grazie. Grazie perché mi ricordi ogni giorno cosa ho sacrificato per avere quello che ho, a volte mi pesa, ma ho imparato ad apprezzare cose infinitesimali. Grazie di essere così diversa da me, riesco a vedere in te chi sarei potuta essere. Soprattutto grazie per essere ancora qui, accanto a me, ad ascoltare racconti di vita ordinaria e dirmi “ma come fai? Sei una supereroina?”, perché mi fai sentire importante come nessuno fa.

Dalla tua prospettiva io sono una supereroina, dalla mia tu sei un’amica vera.

 

L’AUTRICE – Giada Sundas è una giovane madre molto seguita in rete. Sui social racconta la sua esperienza di “madre imperfetta ma imperterrita” con freschezza e ironia. Il suo romanzo d’esordio, edito da Garzanti, si intitola Le mamme ribelli non hanno paura, e racconta la storia di Giada dal giorno in cui la piccola vita di Mya, sua figlia, ha cominciato a crescere dentro di lei.

A maggio 2018 è in uscita il suo secondo, atteso libro, Mamme coraggiose per figli ribelli , in cui l’autrice torna a parlare del mestiere più difficile del mondo: fare la madre. Con la sua inconfondibile vena ironica

Qui tutti gli articoli di Giada Sundas per ilLibraio.it.

Commenti