Verdelli prende il posto di Mario Calabresi (della cui uscita si vociferava ormai da tempo)

Carlo Verdelli, classe ’57, è il nuovo direttore de La Repubblica. Prende il posto di Mario Calabresi (della cui uscita si vociferava ormai da tempo).

Verdelli, che nel 2014 ha pubblicato con Garzanti il suo unico libro, I sogni belli non si ricordano, ha cominciato la sua carriera giornalistica proprio collaborando alle pagine milanesi del quotidiano fondato da Eugenio Scalfari. In passato ha diretto con successo Vanity Fair e La Gazzetta dello Sport.

Inoltre, per la prima volta nella storia dell’azienda, tra il 26 novembre 2015 e il 3 gennaio 2017 è stato Direttore editoriale per l’Offerta informativa della Rai, ma si è dimesso dall’incarico non senza polemiche.

Via Twitter Calabresi commenta così: “Dopo tre anni finisce la mia direzione di Repubblica. Lo hanno deciso gli editori. Ho l’orgoglio di lasciare un giornale che ha ritrovato un’identità e ha un’idea chiara del mondo. I lettori lo hanno capito, la discesa delle copie si è dimezzata: era al 14 ora è sotto il 7. Grazie a chi ci ha sostenuto nella battaglia per una stampa libera e non ipnotizzata dalla propaganda dei nuovi potenti. Abbiamo innovato tanto sulla carta e sul digitale e i conti sono in ordine. Grazie a tutti i colleghi a cui auguro di non perdere mai passione e curiosità”.

Commenti