Nella storia dell’Italia repubblicana non si è mai verificato un delitto politico che abbia presentato tanti risvolti oscuri come il delitto Moro...

Chi c’era in via Fani la mattina del sequestro? Chi sparò? Dov’erano la o le prigioni di Moro? Chi era il suo quarto carceriere? Che fine hanno fatto le carte scritte dal presidente democristiano durante i cinquantacinque giorni e le registrazioni dei suoi interrogatori? E, soprattutto, chi ha sottratto la lunga lista degli appartenenti a Gladio stilata da Moro durante la prigionia?

Stando a Sandro Provvisionato, Stefania Limiti autori di Complici – Caso Moro. Il patto segreto tra Dc e Br (Chiarelettere), nella storia dell’Italia repubblicana non si è mai verificato un delitto politico che abbia presentato tanti risvolti oscuri come il delitto Moro. Un delitto politico che è ancora cronaca viva: dopo cinque indagini giudiziarie e quattro processi, è stato istituita un’apposita Commissione d’inchiesta parlamentare per indagare ancora. Perché, stando a questo libro-inchiesta, quello che sappiamo oggi è il frutto della trattativa tra Democrazia Cristiana e i vertici delle Brigate rosse. Ed è solo una minima parte di quanto è davvero accaduto…

ChiarelettereSCOPRI DI PIU’ SUL LIBRO

LEGGI ANCHE:

Una nuova puntata del caso Moro 

Commenti