Cecilia Marcon racconta cosa l'ha spinta a licenziarsi dal precedente impiego e ad aprire, in provincia di Verona, Valmirtilla, una libreria per bambini e ragazzi - La storia

Siamo a San Martino Buon Albergo, in provincia di Verona.

Di recente sul sito della casa editrice Topipittori Cecilia Marcon ha raccontato cosa l’ha spinta a licenziarsi dal precedente impiego e ad aprire, lo scorso 16 settembre, Valmirtilla, una libreria per bambini e ragazzi.

“(…) Quando è nato il mio primo nipote ho pensato subito che io sarei stata la zia dei libri, perché gli volevo troppo bene per regalargli altro. E così è stato per i miei figli: sono stata e sono la mamma dei libri. Non perché da grandi debbano per forza diventare lettori, ma per regalargli parole, immagini, per presentargli un mondo di possibilità. E perché non c’è niente di meglio dell’accoccolarsi sul divano e approfittare di un tempo lento per annusarsi e ascoltarsi”, così la libraia racconta la sua passione.

Scrive ancora Cecilia, nel suo intervento, a proposito del suo nuovo lavoro: “(…) Un mestiere meraviglioso quanto complicato, sotto molti aspetti: ho capito che amare i libri non è sufficiente, bisogna saperli leggere, valutare, selezionare. Io non ho vergogna nel definirmi una libraia acerba, ma che ha voglia di crescere e imparare. Nell’intraprendere da sola questa strada c’erano molte paure: prima su tutte la fatica per la gestione a 360° di un negozio, poi la ricerca, giorno dopo giorno, di nuove idee per educare alla lettura e offrire qualcosa di utile al proprio territorio. Nell’est veronese, dove vivo, non esisteva una libreria dedicata ai bambini e peraltro nemmeno una giocattoleria…”.

Commenti