Sabato 15 settembre al Mercato Lorenteggio di Milano il quinto appuntamento con il ciclo "Rosetta". Interverranno, tra gli altri, Aboubakar Soumahoro (foto), sindacalista italo-ivoriano che si batte per i diritti dei braccianti e lo scrittore Edoardo Albinati - I particolari

Negli ultimi anni del ‘900 sembrava che la categoria di ‘classe sociale’ non fosse più utile per descrivere la società e che il ceto medio si stesse allargando fino a includere quasi tutti. Con l’inizio del secondo millennio, invece, migrazioni e crisi economiche hanno portato al centro del dibattito la diseguaglianza, la scomparsa del ceto medio e di nuovo le classi sociali, per quanto differenti da quelle classiche per composizione, lavori, abitudini di vita. Crisi dell’industria, digitalizzazione del lavoro, impoverimento della cosidetta classe creativa e la consapevolezza diffusa che i capitali siano concentrati nelle mani di elites di potere hanno contribuito a rafforzare l’idea di una “casta” che aumenta i propri profitti a scapito del resto della popolazione, definita “99%”.

Durante il quinto appuntamento con il ciclo Rosetta 2018 (“progetto culturale nomade” di Casa della Cultura e cheFare), in programma sabato 15 settembre, dalle ore 18:30, al Mercato Lorenteggio di Milano, si indagherà su come si configurano oggi i gruppi sociali e in che modo si può parlare ancora di classe. E si proverà a rispondere a domande come: quali sono le classi sociali oggi? Quali le forme di sfruttamento? Possediamo degli antidoti? In che modo il genere e le migrazioni incidono su questa stratificazione? Interverranno Aboubakar Soumahoro, sindacalista italo-ivoriano che si batte per i diritti dei braccianti e che ha guidato le proteste seguite all’omicidio del giovanissimo Soumalya Sacko; e saranno presenti Barbara Leda Kenny, antropologa ed esperta di questioni di genere e pari opportunità, lo scrittore Edoardo Albinati, l’antropologo Pietro Vereni e la sociologa Valeria Verdolini nel ruolo di moderatrice. A seguire, il dj set a cura di Matteo Saltalamacchia.

 

Commenti