Ecco quali sono i bestseller del momento in Francia, Germania, Usa e...

Due romanzi di prossima pubblicazione (e di sicuro successo) in Italia entrano ai primi posti nelle classifiche di marzo in Francia (1°) e in Germania (4°): La disparition de Stephanie Mailer (tit. it. La scomparsa di Stephanie Mailer, La nave di Teseo) dello svizzero Joël Dicker, autore dei bestseller internazionali La verità sul caso Harry Quebert (Bompiani) e Il libro dei Baltimore (La nave di Teseo), e Die Geschichte des Wassers (tit. orig. Blå, tit. it. La storia dell’acqua, Marsilio) della svedese Maja Lunde, sceneggiatrice per la tv e scrittrice di libri per ragazzi affermatasi al di fuori dei confini nazionali con il suo primo romanzo per adulti, La storia delle api (Marsilio).

Il giallo di Dicker ruota attorno a un omicidio avvenuto nel 1994 risolto da due giovani poliziotti con l’arresto del colpevole. Vent’anni dopo, la giornalista Stephanie Mailer avvicina uno dei due poliziotti annunciandogli che la persona a suo tempo incriminata è innocente, ma che non ha il tempo per fornirgli le prove. Pochi giorni dopo, la donna scompare.

Come nel romanzo precedente, anche nel secondo volume della sua quadrilogia sul clima Maja Lunde incrocia storie ambientate in periodi diversi: la prima, nel 2017, ha per protagonista la settantenne Signe che parte per un viaggio rischioso, cercando di attraversare l’oceano da sola in barca a vela; la seconda, nel 2041, vede David con la figlia Lou fuggire dalla propria città natale nel sud Europa in preda alla siccità e alla guerra, alla ricerca della moglie e del figlio August da cui sono stati separati.

Viaggi e cambiamenti drastici, frutto di scelte o del caso, sono l’elemento attorno a cui ruotano le storie di altre tre novità in Francia (al 2° e 3° posto) e nei Paesi Bassi (al 1°).

In A la lumière du petit matin di Agnès Martin-Lugand l’imprevisto è un infortunio alla caviglia. Hortense, insegnante di danza prossima ai quarant’anni, divide il suo tempo tra lo studio che ha allestito con due vecchi amici e il piccolo appartamento sotto i tetti di Parigi, dove nasconde una relazione appassionata con un uomo sposato. Dice di essere felice, ma giorno dopo giorno diventa preda di un malessere interiore che rifiuta di affrontare finché il destino non la fa inciampare. Costretta a lasciare temporaneamente casa e lavoro, trova rifugio nella vecchia casa colonica dei genitori in Provenza, luogo ideale per fermarsi a riflettere.

Dell’autrice francese sono disponibili in italiano, pubblicati da Sperling & Kupfer, La gente felice legge e beve caffè, La felicità sulla punta delle dita e Non preoccuparti, la vita è facile.

Vers la beauté di David Foenkinos ha per protagonista Antoine Duris, professore alle Belle Arti di Lione che da un giorno all’altro lascia tutto per diventare guardiano della sala Modigliani (di cui è specialista) al Musée d’Orsay. Mathilde Mattel, responsabile delle risorse umane del museo, è colpita dalla personalità di quest’uomo taciturno che ha scelto di annientarsi in una funzione che non corrisponde alle sue capacità. Per sopravvivere al trauma appena vissuto, di cui nessuno è a conoscenza, quest’uomo ha trovato una sola cura: la bellezza.

Autore di numerosi romanzi, Foenkinos ha ottenuto la fama nel 2014 con Charlotte (tradotto con lo stesso titolo da Mondadori), ispirato alla vita della pittrice tedesca di origini ebraiche Charlotte Salomon, vittima dell’Olocausto.

La pubblicità di un corso di cucina nel cuore della campagna toscana è un richiamo irresistibile per Gracie Burton, protagonista di The Temptation of Gracie, l’ultimo romanzo della scrittrice inglese Santa Montefiore pubblicato nei Paesi Bassi con il titolo Onder de Italiaanse zon quattro mesi prima dell’edizione britannica.

La figlia e la nipote non riescono a immaginare che cosa abbia spinto Gracie a questa impresa apparentemente casuale, ma non conoscono il suo passato e ciò che potrebbe attirarla in Italia. Non hanno idea che Gracie sta nascondendo il segreto di una vita straordinaria che le ha precedute.

Nella saggistica, continua l’onda lunga di scritti femministi inaugurata alcuni mesi fa da Mary Beard con Women & Power (tit. it. Donne e potere, Mondadori), tuttora in classifica in Spagna (7°) e in Gran Bretagna (10°).

In Morder la manzana (1° in Spagna) l’attrice e regista Leticia Dolera, voce ufficiale del femminismo nel cinema spagnolo, spiega perché è femminista e perché tutti dovremmo esserlo. La sua non è una lotta contro gli uomini, ma contro il sistema patriarcale che tratta le donne come cittadini di seconda classe e utilizza i media culturali per perpetuare questa gerarchia.

Dear Madam President (6° negli USA) di Jennifer Palmieri, responsabile della comunicazione della campagna elettorale di Hillary Clinton, è una lettera di incoraggiamento alla futura prima donna presidente e, per estensione, a tutte le donne che lavorano per avere successo in qualsiasi campo. Forte della sua esperienza, offre un quadro di riferimento teorico e consigli pratici per ogni occasione – dai consigli di amministrazione ai salotti – per le donne di tutto il mondo determinate a prendere il controllo delle loro vite, dei loro luoghi di lavoro e del loro paese.

Anche le storie di avvocati e i retroscena giudiziari sembrano interessare il pubblico dei lettori.

Eric Dupond-Moretti, uno dei più brillanti avvocati penalisti francesi, noto per le 144 assoluzioni ottenute finora, racconta in Le dictionnaire de ma vie (2° in Francia) i suoi processi più famosi e la sua verità sul sistema giudiziario. Denuncia gli attacchi contro la presunzione di innocenza, la pressione dell’opinione pubblica e dei social network, la magistratura paralizzata dal corporativismo. Oltre al suo lato indignato, impertinente e insolente nel libro emerge anche la sua generosità e l’amore per i piaceri della vita (con tanto di ricetta personale per cucinare gli spaghetti).

The Secret Barrister (8° nel Regno Unito) è il resoconto di prima mano di un avvocato anonimo su che cosa succede in un’aula di tribunale. Dai criminali agli avvocati, alle vittime, ai testimoni e ai funzionari della legge, il libro mette in scena il meglio e il peggio dell’umanità, tutti in lotta all’interno di un sistema rotto che sarebbe sempre sulle prime pagine dei giornali se solo si sapesse che cosa veramente succede.

Concludiamo con un omaggio a Johann Sebastian Bach (15° nei Paesi Bassi) dello scrittore olandese Maarten ‘t Hart, appassionato ammiratore del compositore tedesco dall’età di 8 anni, dopo aver ascoltato “Wohl mir, dass ich Jesum habe” dalla Cantata BWV 147. In questo libro discute una serie di ambiguità biografiche nella vita di Bach e dà il suo punto di vista sulle cantate, i concerti, Il clavicembalo ben temperato, la Passione secondo Matteo, la musica da camera e sull’ampia letteratura esistente su Bach.

Qui le classifiche mensili con i bestseller in Francia, Germania, Cina, Regno Unito, Svezia, Spagna, Usa e…

nota: dal 1985 Informazioni Editoriali, che fa parte del gruppo Messaggerie Italiane, è leader in Italia nella realizzazione e nella gestione di database bibliografici, nonché nella fornitura di servizi informativi per il mondo del libro. È anche editrice del portale iBUK, da cui sono tratte queste classifiche internazionali.

Commenti