In piena rivoluzione digitale il libro antico e il collezionismo librario conservano il loro fascino

In piena rivoluzione digitale il libro antico e il collezionismo librario conservano il loro fascino. Non a caso, dal 27 al 30 agosto, si terrà a Torrita di Siena, nel residence Il Convento, l’edizione 2018 della Scuola estiva “Antiquariato e collezionismo librario: storia e metodo”.

Alla base, la consapevolezza che le moderne trasformazioni, legate principalmente all’ecommerce, stanno profondamente modificando il mercato del libro antico, non solo in Italia. I tempo – per i promotori della scuola, sono maturi per ripensare a una tradizione che tanta parte ha avuto nella storia culturale anche italiana. Il corso in questione intende così fissare l’attenzione sul metodo, non ovvio, con cui approcciare questa realtà, mostrando come antiquari e collezionisti abbiano contribuito a scrivere pagine importanti della storia culturale italiana negli ultimi due secoli.

libri antichi

Il corso si rivolge a studenti universitari, neolaureati e dottorandi di ricerca nelle discipline del libro, bibliografia e storia del libro e dell’editoria, ma anche a tutti coloro, bibliotecari, collezionisti, amatori e bibliofili, che hanno interesse per il libro antico a stampa. I docenti del corso sono Edoardo Barbieri (Università Cattolica di Brescia), Fabio Massimo Bertolo (Minerva Auctions), Mario Giupponi (Presidente dell’Associazione Librai Antiquari Italiani), Giancarlo Petrella (Direttore de «L’illustrazione», editrice Olschki) e Luca Rivali (Università Cattolica di Milano).

Il programma completo e tutti i dettagli per chi è interessato a iscriversi sono disponibili a questo link.

 

 

Commenti