"La Costituzione in tasca", volume illustrato destinato ai bambini, è un libro "ad alta leggibilità", perché "nessun libro come la Costituzione è un libro per tutti"

La Costituzione non è carta immobile, libro da tenere chiuso su uno scaffale. Madri e padri costituenti l’hanno scritta in modo che potesse essere costantemente mantenuta viva e vitale grazie all’impegno di ciascuno di noi. Lo ha scritto Piero Calamandrei nel 1955: “La Costituzione non è una macchina che una volta messa in moto va avanti da sé. La Costituzione è un pezzo di carta: la lascio cadere e non si muove. Perché si muova bisogna ogni giorno rimetterci dentro il combustibile, bisogna metterci dentro l’impegno, lo spirito, la volontà di mantenere queste promesse, la propria responsabilità”.

In occasione dei 70 anni dalla sua entrata in vigore, in libreria per Sinnos è arrivato La Costituzione in tasca, volume firmato da Valeria Cigliola e Elisabetta Morosini, e illustrato da Manuela Mapelli. Nel libro, destinato ai bambini dai 7 anni, i protagonisti sono Emma e Giovanni, due ragazzini di oggi alle prese con lo studio della Costituzione. Saltando da un articolo all’altro, attraverso i loro dialoghi, baruffe e sfide mostreranno come si possa leggere la nostra Costituzione, scoprire i tesori nascosti portati dalle sue parole e aprire a nuove prospettive e riflessioni e darle il carburante giusto perché prosegua il suo cammino.

la-costituzione-in-tasca

Si tratta di un libro “ad alta leggibilità”, perché, spiega la casa editrice, “nessun libro come la Costituzione è un libro per tutti”. Il volume si lega al progetto BILL – la biblioteca della legalità – “nato perché i libri, con le loro parole e le loro figure, accompagnino bambini e bambine, ragazzi e ragazze nella loro crescita di cittadini consapevoli, con mente e cuore aperti, perché possano affrontare la vita capaci di impegnarsi, desiderare, confrontarsi”.

Commenti