"Nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti". La sentenza della Corte europea dei diritti dell'uomo, a 14 anni dal "massacro" della Diaz, fa discutere. Su ilLibraio.it alcuni libri per conoscere, ricordare, e cercare di capire il G8 di Genova del 2001, un evento-spartiacque che ha segnato più di una generazione...

14 anni dalla notte-spartiacque del 21 luglio 2001, in cui la polizia fece irruzione nella scuola Diaz di Genova, che in quei giorni era il quartier generale del Genoval Social Forum (aggregazione di movimenti anti capitalisti che protestavano contro il G8 che si stava tenendo quei giorni in città, ndr), la Corte europea dei diritti umani di Strasburgo ha condannato l’Italia, non solo per quanto subito da un manifestante che ha presentato ricorso (Arnaldo Cestaro, che nel 2001 aveva 62 anni e che rimase vittima dei pestaggi della Diaz, ndr), ma anche perché la legislazione italiana non prevede il reato di tortura.

I giudici hanno deciso all’unanimità che lo Stato italiano ha violato l’articolo 3 della Convenzione sui diritti dell’uomo, che recita: “Nessuno può essere sottoposto a tortura né a pene o trattamenti inumani o degradanti”. La mancata possibilità di identificazione degli autori materiali dei maltrattamenti dipende, secondo la Corte, “in parte dalla difficoltà oggettiva della procura a procedere a identificazioni certe, ma al tempo stesso dalla mancanza di cooperazione da parte della polizia” (fonte Repubblica.it).

In occasione di questa storica sentenza, ilLibraio.it propone una lista di libri (che non ha la pretesa di essere esaustiva) per ricordare quei giorni.

 Il partito della polizia di Marco Preve (Chiarelettere): un libro che descrive il “partito della polizia”, protetto da influenti amicizie politiche, dove a volte capita che i colpevoli facciano carriera, e che gli “abusi” vengano giustificati: dalle Br a Giuliani, da Aldrovandi a Cucchi…

g8

Gridavano e piangevano di Roberto Settembre (Einaudi): il giudice di Corte d’Appello nel processo per Bolzaneto ripercorre la storia delle ingiustizie perpetrate nella caserma di Bolzaneto durante il G8 di Genova, un invito a introdurre in Italia il reato di tortura…

lucareli

G8 di Carlo Lucarelli (Einaudi): cronaca di una battaglia, il sottotitolo del libro e del dvd di Carlo Lucarelli, che racconta in maniera documentaristica i giorni di quel luglio…

noglobal

– No Logo di Naomi Klein (Bur): la “bibbia” del Boycott, il testo contro lo strapotere delle multinazionali e dei grandi marchi, il fondamento del “movimento no-global”, anch’esso protagonista del G8 (e non solo)…

nottediazgrande

Quella notte alla Diaz di Christian Mirra (Guanda): il graphic novel scritto da uno dei protagonisti, suo malgrado, della famosa notte da “macelleria messicana”; una cronaca emotiva a tinte forti, disegnata da uno dei manifestanti che ha subito le violenze in prima persona…

-Tra i tanti altri libri che ricordano l’evento, dal grande significato (anche) simbolico per un’intera generazione, la morte di Carlo Giuliani, il “massacro” della Diaz, le torture di Bolzaneto e tutti quegli episodi di contorno avvenuti nelle strade di Genova, citiamo  anche: L’eclisse della democrazia di Vittorio Agnoletto e Lorenzo Guadagnucci (Feltrinelli), Ge vs G8. Genova a fumetti contro il G8 a cura di Supporto legale (NdA Press), Lamento in morte di Carlo Giuliani di Nichi Vendola (Fratelli Frilli Editori).

LEGGI ANCHE:

“Il capitalismo non è più sostenibile”, l’allarme di Naomi Klein

 

Commenti