Il digiuno "intermittente" (una volta a settimana) fa bene e può avere effetti terapeutici. Se ne parla molto ultimamente. E ora in libreria arriva "Il digiuno per tutti" di Stefano Erzegovesi, medico psichiatra e nutrizionista che dirige le attività cliniche e di ricerca al Centro per i Disturbi Alimentari dell’Ospedale San Raffaele di Milano - I particolari

Il digiuno “intermittente” (una volta a settimana) fa bene e può avere effetti terapeutici. Se ne parla molto ultimamente, nel mondo scientifico, e chi segue le novità in campo di diete lo sa bene. Non mancano i libri sull’argomento, e il cosiddetto digiuno terapeutico è protagonista anche nel volume Il digiuno per tutti – Basta un giorno alla settimana per un corpo sano e una mente lucida, pubblicato da Vallardi e firmato da Stefano Erzegovesi.

Ma di cosa parliamo quando parliamo del “potere” e del ruolo positivo che può svolgere il digiuno “intermittente”? Quello proposto da Erzegovesi, medico psichiatra e nutrizionista di stanza a Milano, dove dirige le attività cliniche e di ricerca al Centro per i Disturbi Alimentari dell’Ospedale San Raffaele di Milano, è un metodo accessibile a tutti per ritrovare la salute del corpo e della mente.

Tanti libri si limitano a dire che il digiuno fa bene, mentre Il digiuno per tutti insegna come farlo davvero. Erzegovesi ha infatti messo a punto un sistema semplice ed efficace per spegnere la fame e accendere la mente. Non si tratta di una dieta, quindi, ma di un vero e proprio metodo, basato su un giorno di digiuno, o meglio di “magro”, alla settimana.

LEGGI ANCHE – Libri per mettersi a dieta: alcuni consigli di lettura

 

Il digiuno è la pratica più all’avanguardia nel campo dell’alimentazione e della salute: i suoi benefici per il corpo e per la mente sono stati ampiamente riconosciuti e comprovati dai maggiori studi scientifici. Tuttavia, l’idea di saltare uno o più pasti spaventa molte persone. Oggi, invece, uno dei massimi esperti italiani di nutrizione propone un metodo alla portata di tutti, in grado di garantire un benessere che va ben oltre il “peso ideale”, per farci non solo stare, ma anche sentire meglio.

Commenti