Novità nel mondo dell'editoria digitale. L’alleanza tolino accoglie Kobo, player internazionale del mercato dell’ereading, come nuovo partner tecnologico - I dettagli

Novità nel mondo dell’editoria digitale. Come informa un comunicato, l’alleanza tolino accoglie Kobo, player internazionale del mercato dell’ereading, come nuovo partner tecnologico. Le librerie dell’alleanza tolino, dunque, lavoreranno insieme a un nuovo partner tecnologico a partire dai primi mesi del 2017.

La compagnia canadese Rakuten Kobo (Toronto) è a livello internazionale uno dei distributori di servizi dedicati al mondo dell’ereading capace di crescere velocemente, con un’offerta di oltre cinque milioni di ebook messi a disposizione di milioni di utenti nel mondo. Kobo acquisirà la piattaforma tecnologica tolino da Deutsche Telekom a partire dalla fine di gennaio 2017, diventando così il nuovo partner tecnologico dell’alleanza tolino.

Quest’operazione unirà due dei player leader del mercato internazionale della lettura digitale “con l’obiettivo di crescere e sviluppare importanti novità”. La transazione deve essere approvata dalle Autorità Antitrust in Germania.

“Accogliamo con grande entusiasmo questo ingresso di Kobo come nuovo partner tecnologico dell’alleanza tolino. L’unione delle esperienze di due realtà leader nel segmento della lettura digitale porterà certamente un grande vantaggio per i lettori italiani che leggono ebook su tolino, e in particolare per i clienti di IBS.it, Libraccio.it e Indiebook.it” commenta Alberto Ottieri, AD del gruppo Messaggerie Italiane e Presidente di IBS.it. “Questa collaborazione, nel prossimo futuro, è garanzia di vantaggi strategici e tecnologici a supporto dell’esperienza di lettura su tolino e di un significativo salto di qualità e di valore della nostra offerta al cliente finale. E, voglio sottolineare, anche a vantaggio delle librerie indipendenti italiane che, all’interno del progetto INDIeBOOK di Messaggerie Libri e Fastbook, hanno la possibilità di crescere e partecipare allo sviluppo del mercato del libro digitale”.

“Siamo orgogliosi di avercontributo come partner tecnologico al successo di tolino. Insieme, siamo stati capaci di accreditare il nome tolino nel mercato della lettura digitale, con il suo ecosistema aperto e i dispositivi che hanno ottenuto valutazioni di altissimo livello in test certificati. Dopo aver sviluppato con successo un ecosistema per la lettura digitale di pari livello rispetto ai grandi competitor americani, è arrivato il momento per Deutsche Telekom di cedere il business della piattaforma che abbiamo costruito nei quattro anni passati con investimenti e sforzi notevoli. Siamo inoltre molto contenti che le catene librarie tedesche fondatrici di tolino, Hugendubel, Thalia e Weltbild, supportino con forza la nostra decisione di vendere l’ecosistema tolino a Rakuten Kobo che diventerà il nuovo partner tecnologico dell’alleanza”, ha commentato Felix Wunderer, Vice Presidente dell’ePublishing di Deutsche Telekom.

“Insieme alle nostre librerie partner, abbiamo intenzione di continuare a migliorare l’ecosistema tolino per i suoi numerosi clienti dedicati”, commenta Michael Tamblyn, CEO di Rakuten Kobo. “Quest’acquisizione ci consentirà di portare dentro l’alleanza tolino la dimensione internazionale e l’esperienza di Kobo nella collaborazione con i rivenditori di tutto il mondo. Questo è l’incontro tra le due più forti piattaforme pure-play del mercato eBook e non vediamo l’ora di portare ancora più forza e competitività alla già importantissima offerta tolino”.

I servizi tolino continueranno a essere disponibili attraverso i rivenditori partner negli stati tedeschi così come in Olanda con Libris/BLZ, Standaard Boekhandel in Belgio e in Italia con IBS.it, Libraccio e INDIeBOOK.
Kobo da parte sua continuerà a migliorare l’esperienza legata agli ebook per i retailer tra cui Fnac, Mondadori, Feltrinelli, bol.com, Chapters Indigo, Angus & Robertson, WHSmith, Livraria Cultura, Librerías Gandhi, Librería Porrúa, D&R and Rakuten, con gli eReader venduti in oltre 14,900 punti vendita nel mondo.

Commenti