Secondo i dati GfK il mercato del libro italiano è cresciuto dell’1,9% a quantità nel 2017 (e del +5,4% a valore). Per festeggiare il primo anno della casa editrice, SEM ha organizzato un incontro sull'editoria indipendente dal titolo "Elogio della follia", in cui sono stati presentati una serie di dati

Per festeggiare il primo anno della casa editrice, SEM (Società Editrice Milanese) ha organizzato un affollato incontro nella sua sede milanese tutto dedicato all’editoria indipendente, dal titolo “Elogio della follia”, a cui hanno partecipato il co-fondatore del marchio Riccardo Cavallero (ex Mondadori Libri) e i colleghi Eugenia Dubini (NN Editore), Sandro Ferri (edizioni E/O) e Pietro Biancardi (Iperborea). Presente anche Barbara Riatti di Gfk, per presentare alcuni dati sul mercato librario italiano.

Come è stato raccontato nel corso della serata, secondo i dati GfK Italia il mercato è cresciuto dell’1,9% a quantità nel 2017, pur mostrando una flessione pari al 10,3% rispetto al 2012. A sua volta, il dato a valore l’anno scorso ha fatto registrare un +5,4%. L’ultimo anno è stato positivo per le vendite soprattutto negli ultimi tre mesi, e un ruolo importante lo ha giocato il bonus cultura per i 18enni voluto dal ministro dei Beni e le Attività Culturali Dario Franceschini, come pure il bonus per gli insegnanti promosso dal ministero dell’Istruzione.

Tanti i dati presentati. Colpisce, ad esempio, il fatto che il 96% dei libri venda meno di mille copie l’anno e che solo 20 titoli abbiano superato le 100mila copie nel 2017 (erano 42 nel 2013). Per Ferri si tratta di un “dato spaventoso”. Secondo l’editore di Elena Ferrante (con al petto una spilla “anti-Amazon”, dopo lo scontro delle scorse settimane tra la sua e/o e il gigante dell’e-commerce) si sente la mancanza di una “società letteraria” ed è importante per gli editori coinvolgere maggiormente i lettori.

Quanto agli editori piccoli e medi, si conferma la crescita: oggi rappresentano il 45% del mercato rispetto al 40% del 2012. A questo proposito, in particolare da Biancardi, che ha ricordato il percorso ormai trentennale della casa editrice fondata dalla madre, Emilia Lodigiani, è stato sottolineato il ruolo del catalogo.

Commenti