Più di 1 lettore su 4 sceglie di comprare un libro da come è esposto in libreria. L’8 dicembre a Roma, a Più Libri più liberi, la presentazione dell’indagine Pepe Research. Tra i temi che verranno affrontati nel corso della manifestazione, gli spazi i piccoli editori nei negozi

Il 28% dei lettori, più di 1 su 4, è motivato all’acquisto di un libro per come esso è esposto in libreria. Il dato raggiunge il 40% (quasi 1 su 2) tra i lettori cosiddetti. Il tema della visibilità per i piccoli e medi editori, e delle leve che poi portano all’acquisto del libro, sarà al centro dell’indagine, realizzata dall’Associazione Italiana Editori in collaborazione con Pepe Research, che sarà presentata nell’ambito dell’incontro Cosa influenza il cliente nelle sue scelte quando entra in libreria e come posso migliorare le mie performance?, in programma l’8 dicembre alle 10.30 in Sala Aldus a Più libri più liberi, la fiera nazionale della piccola e media editoria,  fino al 9 dicembre al Roma Convention Center La Nuvola. A partire dai dati, si confronteranno Pietro Biancardi (Iperborea e Libreria Verso) e Gregorio Pellegrino (Effatà Editrice), moderati da Riccardo De Palo (Il Messaggero).

Il tema della visibilità, ma in un confronto dal tenore più politico e di prospettiva, sarà anche il cuore dell’appuntamento Che fare? Alcune proposte per la piccola e media editoria per migliorare la sua visibilità e le sue vendite in libreria, in programma sempre l’8 dicembre dalle 11.30 in Sala Aldus, in cui saranno analizzati i possibili percorsi da sviluppare assieme ai buyer, alle librerie, alla promozione oltre alle prime iniziative in grado di migliorare la visibilità e la comunicazione del promotore della piccola editoria. Ne discuteranno Diego Guida (presidente Gruppo Piccoli editori dell’Associazione Italiana Editori) ed Enrico Iacometti (Armando Editore).

Sempre di visibilità, ma nella sua accezione di comunicazione, in particolare rivolta ai blogger, per capire quali sono gli effetti e i ritorni di vendite legati alle segnalazioni sui blog letterari, si parlerà nell’incontro I bookblogger e gli editori come punti di riferimento di una community, in programma l’8 dicembre alle 14.30 in sala Aldus. Si confronteranno sul tema Paolo Armelli (Wired), Diego Guida (presidente Gruppo Piccoli editori dell’Associazione Italiana Editori), Giulia Telli (bookblogger – Mamma che libro!), Laura Ganzetti (bookblogger – Il tè tostato).

Non solo confronti però. Per la prima volta la Fiera organizza, in via sperimentale, uno speed date tra piccoli editori e blogger (8 dicembre, sala convegni del piano ammezzato, ore 10.30). Dieci minuti per sintetizzare il proprio libro, con cinque minuti in più per le domande. Un altro modo di raccontare e raccontarsi per dieci piccoli editori fortunati a quattro blogger d’eccezione: Paolo Armelli, Laura Ganzetti, Giulia Telli e Giulia Ciarapica.

Inoltre, l’8 dicembre alle 12:30 si svolgerà un focus sui nuovi formati di lettura nell’incontro Aspettavamo la rivoluzione dell’e-book e arriva quella dell’audiolibro, in cui la rivoluzione digitale verrà analizzata, a partire dai dati, tra e-reader e file audio. Ne parleranno Francesco Bono (Audible) e Sergio Polimene (Emons), moderati da Paolo Armelli (Wired).

Commenti