Sempre

Maurizio Maggiani e Luigi Verdi presenta “Sempre”

“Non c’è fisico, non c’è teologo, non c’è
matematico, non c’è amante che possa
mettere la mano sul fuoco sulla parola
Sempre. Eppure è come una culla,
se ti metti lì dentro ti senti al sicuro.
Un miracolo, no?”

Sempre è il racconto intenso e appassionato di una vita vissuta in un’atmosfera di pervasiva sacralità del creato. Un racconto scandito da aneddoti e ricordi personali, piccole lezioni e grandi maestri, riflessioni e personaggi destinati a lasciare il segno.

Questo libro ha un precedente nella voce. Due amici si ritrovano intorno a un tavolo e disegnano un percorso: ogni tappa è contrassegnata da una parola. Alcune sono sulla bocca di tutti, come libertà e bellezza, semplicità e leggerezza, altre invece non si usano più, come se non interessassero a nessuno: fedeltà, castità, pietà, gioia, grazia.

Maurizio Maggiani, autore di libri indimenticabili come “Il coraggio del pettirosso” e “Il viaggiatore notturno”, e Luigi Verdi, fondatore della seguitissima Fraternità di Romena, compongono un prezioso breviario lasciando ogni volta che le loro storie siano accompagnate da chi ha segnato le loro vite. Donne e uomini che hanno fatto ciò che ritenevano giusto, senza clamore, con pazienza, disciplina e sopportazione. “Lampadieri”, li chiama Tom Benetollo, indomito pacifista che compare nel libro, “non per eroismo o narcisismo, ma per sentirsi dalla parte buona della vita. Per quello che si è.”

Maurizio Maggiani (Castelnuovo Magra, La Spezia 1951), scrittore, nella vita ha fatto diversi mestieri, tra cui il fotografo industriale, il venditore di pompe idrauliche, il maestro di scuola, l’autore e conduttore televisivo. Con i suoi romanzi, molto amati dai lettori, ha ricevuto i premi più importanti: il Campiello e il Viareggio Rèpaci con “Il coraggio del pettirosso” (1995), lo Strega con “Il viaggiatore notturno” (2005). Tra i suoi ultimi libri, anch’essi editi da Feltrinelli, ricordiamo “Meccanica celeste” (2010), “I figli della Repubblica” (2014), “Il Romanzo della Nazione” (2015), “La zecca e la rosa” (2016).

Luigi Verdi (San Giovanni Valdarno, Arezzo 1958) è il fondatore della Fraternità di Romena, nel Casentino, un’esperienza cominciata nel 1991 a partire da una vecchia pieve abbandonata. In pochi anni Romena è diventata luogo d’incontro per migliaia di persone alla ricerca di una qualità di vita più autentica. Il poeta Franco Loi ha raccontato così l’esperienza della fraternità: “Romena è un posto dove trovare una pagina bianca su cui scrivere di sé. E magari leggere a voce alta, senza sentirsi sbagliati”.

Festivaletteratura

Palazzo San Sebastiano

Mantova

17:30

salva in agenda
Il libraio per te I libri scelti in base ai tuoi interessi

Grazie alle azioni che compi sul sito saremo in grado di fornirti consigli per le tue prossime letture.

 Vuoi conoscere eventi letterari nella tua zona?

Indicaci l’area geografica
su cui vuoi ricevere aggiornamenti.

Iscriviti alla newsletter personalizzata