"Paese senza cappello" è la storia di un ritorno nell’isola stregata dal vudù...

Paese senza cappello (in libreria per Nottetempo) di Dany Laferriere è la storia di un ritorno: il ritorno di Vecchio Osso a Haiti, dopo vent’anni di esilio trascorsi tra Montréal e Miami, in fuga dalla dittatura di Duvalier figlio. Il paese, in apparenza, sembra lo stesso. L’odore del caffè è lo stesso, come i manghi maturi che si spaccano a terra, la bellezza ieratica delle donne che ondeggiano con le ceste sulla testa, l’azzurro senza incertezze del cielo, le schermaglie tra la madre e la zia. Come gli amici, rimasti fedeli alla loro giovinezza. E la povertà, brutale e violenta, la “continua cacofonia”, il “disordine permanente”, le paure e le credenze ancestrali che il potere manipola a piacimento.

Paese senza cappello

Ma c’è qualcosa di inatteso che si insinua nel ritorno di Vecchio Osso: incuriosito dalle allusioni e dalle mezze parole bisbigliate in casa e per strada, si ritrova coinvolto in un’indagine sui morti che continuano a vivere, sugli zombie haitiani, sui fantasmi che abitano il quotidiano. E mentre le storie si susseguono, il racconto che Vecchio Osso batte sulla sua Remington cattura il caleidoscopio di immagini dissonanti, umori e visioni dell’isola stregata dal vudù.

Commenti