Compie trent’anni Ibis Edizioni (parte di un gruppo che comprende OBarraO, FinisTerrae e Xenia). L’idea ispiratrice della produzione editoriale del marchio è quella del viaggio, dell’incontro e del confronto con l’altro/gli altri - I particolari

Compie trent’anni Ibis Edizioni, casa editrice con sede a Pavia, fondata nel 1989 da Paolo Veronesi, ma anche crescere e costituire un piccolo gruppo editoriale acquisendo i marchi OBarraO, FinisTerrae e Xenia.

L’idea ispiratrice della produzione editoriale di Ibis (la casa editrice attualmente propone una media 30 novità all’anno), è quella del viaggio, dell’incontro e del confronto con l’altro/gli altri, che si riflette negli oltre 600 titoli che danno vita al catalogo, suddivisi in diverse collane, che spaziano dalla letteratura di viaggio alla narrativa del sud del mondo, dall’interculturalità al pensiero di confine, dalle opere minori di classici alla saggistica filosofica. E proprio l’idea del viaggio caratterizza i sei “bestseller” del marchio, che insieme hanno raggiunto le cinquantamila copie vendute: Viaggio in Egitto, di Gustave Flaubert, Viaggio nel passato di Stefan Zweig, I profumi dei viaggi di Rudyard Kipling, Cinque personaggi del passato per il nostro presente di Jacques Le Goff e La vita errante di Guy Maupassant.

Tra le novità in uscita, Critica della ragione negra di Achille Mbembe, il saggio di uno dei più importanti teorici del post colonialismo viventi che riflette sulla necessità di nuove modalità di pensare la vita tra l’economia, la storia, la sociologia, ma anche la letteratura; Cerimonia dell’autrice nativa americana Leslie Marmon Silko e il Grande Dizionario di cucina di Alexandre Dumas in edizione strenna.

Ibis da anni collabora anche con istituzioni culturali e accademiche, come le Università di varie città (Pavia, Milano, Torino e molte altre); il Collegio Ghislieri di Pavia (di cui pubblica la collana Studia Ghisleriana); l’Associazione Paideutika di Torino (di cui pubblica la rivista “Paideutika, Quaderni di formazione e cultura” e la collana Formazione e Cultura).

Commenti