Le sue vignette sono ormai di culto: in libreria l'antologia "In cucina con Kafka", firmata dallo scozzese Tom Gauld, raccolta di tavole che ruotano intorno a temi letterari o editoriali

Qual è il segreto della torta soffice al limone cucinata da Franz Kafka? Com’è la versione “clickbait” di Guerra e pace? In quale reparto della libreria si trovano i romanzi erotici di autori allergici alle arachidi? E le poesie di autori mancini scandinavi? Nel suo nuovo libro, l’antologia In cucina con Kafka (Oscar Ink, introduzione di Francesco Guglieri; traduzione di Claudia Durastanti), Tom Gauld illumina questi e altri non meno scabrosi misteri letterari.

Le sue vignette sono ormai di culto. Gauld, nato ad Aberdeen, in Scozia, nel 1976, già da bambino amava disegnare. Ha studiato illustrazione al College of Art di Edimburgo. Nel 2001, mentre frequentava il Royal College of Art di Londra, ha fondato la casa editrice Cabanon Press insieme a Simone Lia. Come fumettista e illustratore collabora regolarmente con il Guardian, il New York Times e il New Scientist. Qui sotto, invece, due celebri copertine che ha firmato per il New Yorker.

I suoi libri sono pubblicati nel Regno Unito da Canongate e negli Usa da Drawn & Quarterly. In Italia finora era stato pubblicato solo Siete solo invidiosi del mio zaino a razzo (Isbn, 2014). Dopo In cucina con Kafka, sempre nella collana Oscar Ink, Mondadori proporrà Mooncop.

 

Commenti