"Non fate il bene dei vostri figli se, quando tornano a casa con un brutto voto, quello contro cui ve la prendete è chi glielo ha messo". Mentre in tutta Italia si verificano episodi di violenza ai danni degli insegnanti da parte dei genitori, lo scrittore Enrico Galiano si rivolge a questi ultimi

Ora, cerco di dirvelo con calma, perché anche a me sono capitate negli anni un paio di situazioni in cui ho avuto un po’ di paura.
Non fate il bene dei vostri figli se li difendete anche di fronte all’indifendibile.
Non fate il bene dei vostri figli se dite loro cose tipo “Ma sì cosa vuoi che capisca quel cretino del tuo professore!”.
Non fate il bene dei vostri figli se quando tornano a casa con un brutto voto, quello contro cui ve la prendete è chi glielo ha messo.

I rimproveri servono. I compiti in classe andati male servono. È anche così che si diventa forti.

Non fate il loro bene se a casa parlate degli insegnanti come di una masnada di nullafacenti. Anche se magari qualcuno che non ha voglia di lavorare c’è, se parlate così fate solo del male ai ragazzi. I ragazzi hanno bisogno di tante cose: ma di scuse, di posti dove scaricare le proprie colpe, quello proprio no.

Non dico di fare quello che a volte senti in giro, un ceffone o cose simili, figuriamoci. Ognuno ha il suo metodo, non ce n’è uno più giusto.
Ce n’è solo uno sbagliato: prendersela col prof. Credete di averli difesi. In realtà gli avete fatto più male voi di quanto potrebbe fargliene qualsiasi brutto voto.

L’AUTORE – Enrico Galiano, insegnante e scrittore molto seguito sui social, da docente ha un motto: «Non ti ascoltano, se tu per primo non li ascolti».

Eppure cadiamo felici (Garzanti), il suo romanzo d’esordio, racconta la storia di una ragazza di nome Gioia che colleziona parole intraducibili e si innamora di Lo che, nascosto dal cappuccio della felpa, gioca da solo a freccette in un bar chiuso. Quando i due giovani si innamorano, Lo sparisce nel nulla e starà a Gioia scoprire cosa è successo…

Il suo secondo romanzo, Tutta la vita che vuoi, vede protagonisti tre adolescenti, che parlano di loro stessi, delle loro paure, delle loro speranze e imparano che per sentirsi vivi c’è solo una cosa da fare: mettersi in gioco, rischiare qualcosa di vero.

Qui tutti gli articoli scritti da Galiano per ilLibraio.it.

Commenti