Apre a Teheran, la capitale iraniana, uno degli spazi dedicati alla lettura più grandi al mondo, il Book Garden, che ospita anche cinema, teatri, una galleria d'arte e, naturalmente, tantissimi libri, nonostante la censura del governo...

Potrebbe non essere la libreria più grande del mondo, ma sicuramente ci va molto vicino il nuovo Teheran Book Garden: un gigantesco centro culturale appena inaugurato nella capitale iraniana, con cinema, teatri, gallerie d’arte e tanto altro.

Come riportato da News Week, l’obiettivo delle autorità è riuscire a incentivare la creatività di bambini e ragazzi, mettendo a loro disposizione un gigantesco spazio interamente dedicato alla cultura, uno strumento utile per la loro formazione.

Il Teheran Book Garden si trova sulle colline di Abbasabad, nella zona nord est dell capitale iraniana e occupa all’incirca 400106; al suo interno si trovano diverse sale cinematografiche, aule studio, ristoranti, sale di preghiera e, sul tetto, un parco, area verde dedicata alla lettura.

L’inaugurazione di un simile spazio dedicato ai libri e alla cultura è un segnale molto positivo in un paese che applica ancora la censura, tanto che tutti i titoli devono essere approvati prima della pubblicazione: opere come Il codice da Vinci di Dan Brown vengono rifiutate dalle autorità e bandite da paese.

Tuttavia sembra che recentemente il controllo statale si stia ammorbidendo, al punto che opere prima bandite vengono ora pubblicate in Farsi, come scrive We Forum, è il caso de La ragazza con l’orecchino di perla di Tracy Chevalier.

Allo stesso tempo, la censura rimane una pratica che il governo non intende abbandonare: l’anno scorso infatti sono entrati in vigore ulteriori norme restrittive per contenere “dall’assalto della cultura occidentale“, secondo le parole del Ministro della Cultura.

 

Commenti