Dopo la sentenza di ieri della Corte di Giustizia Europea, prende posizione il ministro dei Beni Culturali...

Dopo la sentenza di ieri della Corte di Giustizia Europea, il ministro dei Beni culturali Dario Franceschini, forte sostenitore della battaglia #unlibroèunlibro, ha commentato: “La Corte di giustizia europea ha applicato le attuali norme. La Francia, il Lussemburgo e l’Italia, in modo diverso, hanno scelto consapevolmente di fare una scelta giusta e secondo me quasi ovvia, di ritenere che un libro è un libro che sia su carta o su formato elettronico, sempre libro è, non ha senso che abbia due trattamenti fiscali diversi”. 

“È evidente – ha aggiunto – che anche la scelta del Parlamento e del Governo italiano di equiparare l’Iva dell’ebook, dal primo gennaio al 4%, a quello del libro su carta deve esser accompagnata da un cambiamento di scelte a livello europeo. Il Governo italiano è impegnato su questo fronte, vedremo come andrà a finire“.

LEGGI ANCHE:

La Corte di Giustizia Europea blocca l’Iva agevolata per gli e-book

Iva sugli e-book, Franceschini: “Passo avanti europeo”. Ora si attende l’Ecofin


Commenti