"Oggi tutti i lettori europei, sia su carta sia su ebook, avranno gli stessi diritti". Il presidente dell’Associazione Italiana Editori Ricardo Franco Levi parla dopo il via libera dell’Ecofin alla proposta che consentirà agli Stati membri di applicare aliquote IVA ridotte alle pubblicazioni elettroniche

“È una grande vittoria per l’Italia e per tutti i lettori europei”. È il primo commento del presidente dell’Associazione Italiana Editori  Ricardo Franco Levi dopo il via libera dell’Ecofin alla proposta che consentirà agli Stati membri di applicare aliquote IVA ridotte alle pubblicazioni elettroniche.

“L’Europa segue la direzione presa dall’Italia, che dal 1 gennaio 2015 ha scelto di applicare  l’Iva al 4% – e non più al 22% – per i libri digitali come per i libri di carta”, prosegue Levi: “Segna così la sua grande vittoria, partita con la campagna di AIE #unlibroèunlibro e divenuta un’intera battaglia italiana grazie al sostegno del governo, in una direzione coraggiosa quando in Europa questa era una posizione minoritaria. È grazie a questo grande gioco di squadra che oggi tutti i lettori europei, sia su carta sia su ebook, avranno gli stessi diritti”.

Commenti